FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

it
en

Skip to Content

Category Archives: Wedding

Dalla Rivista Eventi Culturali

Dalla rivista Eventi Culturali
Melania Millesi. E il suo sogno nel sogno

 

Nella splendida Catania uno splendido incontro: la wedding planner Melania Millesi

Affidarsi ad una persona competente che ti guidi a coronare il sogno più bello della tua vita , è un sogno nel sogno che raggiunge il suo apice quando entrambi i sogni si sposano. Regista di questo idillio è la giovane donna originaria di Catania Melania Millesi. Melania Millesi svolge da diversi anni il lavoro di wedding planner, un lavoro che realizza con professionalità competenza e passione; lei incarna la wedding colei che da brava direttrice d`orchestra segue lo spartito dalla composizione all’esecuzione finale. Nata questa professione quasi per gioco organizzando il matrimonio delle amiche Melania Millesi si è da subito immedesimata nel carattere e nelle personalità dei suoi interlocutori, cercando di carpirne le aspettative e i desideri. Il suo matrimonio è un matrimonio corale, sinestesi e fusione dell’idea degli sposi e dello stile di Melania Millesi; nel suo lavoro lei adora Angelo Garini e Cira Lombardo, due grandi direttori d’orchestra di questo lavoro e come loro ama affiancarsi da uno staff di professionisti che no lasci nulla al caso, ogni particolare deve concorrere alla magia finale . A Catania Melania Millesi è una delle wedding planner più richieste una wedding pura che fa la differenza, una wedding che si emoziona e sa emozionare che condivide e sa condividere e che supera sempre nel risultato le aspettative degli sposi. Melania Millesi è una wedding, una donna che adora la natura e tutto ciò che è naturalmente bello, bello vuol dire armonioso, ricercato e originale. Come sottolineava il filosofo scrittore francese Voltaire : “ Temoche il matrimonio sia uno dei sette peccati capitali anziché uno dei sette sacramenti ”.                              Per Melania Millesi sicuramente un peccato a cui ogni giorno dire di sì!!!

http://eventiculturalimagazine.com/2015/08/03/melania-millesi-e-il-suo-sogno-nel-sogno/#more-19038

READ MORE

Gocce di…. Pioggia!

Futuri Sposi se il vostro matrimonio sarà celebrato nei mesi che vanno dall’autunno ad inizio primavera (oggi purtroppo anche d’estate… ma siamo sempre ottimisti!!!) non è da escludere una giornata uggiosa o peggio di pioggia!!!! Questa  è l’unica cosa che né sposi né Wedding Planner  potranno mai prevedere, ma sicuramente durante l’organizzazione bisogna assolutamente pensarci!!!

Ovviamente ci saranno i vari piani B, C ed oltre… ma io mi riferisco ad altro… perché non farne un “elemento di decoro”??!!

Ci sono diverse soluzioni, sicuramente tra le più gettonate troviamo gli ombrelli… Bene consiglio un ombrello bianco o trasparente per gli sposi ed una scorta di coloratissimi ombrelli, o solo nei colori del vostro evento, da mettere a disposizione degli ospiti!!! Gradiranno moltissimo…

…ed ancora, per il dopo cerimonia,  dei simpatici stivali di gomma bianchi o colorati per la sposa e neri per lo sposo?!!

…e per i testimoni??  Ovviamente in coordinato con gli ombrelli !!!… e se li personalizzassimo con le loro iniziali??? Carini vero??!  Immaginate che colpo d’occhio per le foto…  sono sicura che il fotografo ringrazierà!!!

  …e d’inverno e con la pioggia cosa ci sarebbe di meglio che accogliere gli ospiti alla location con una buona bevanda calda??!! Se la cerimonia si svolgerà  al mattino un Ponce sarà una calda sorpresa che gli ospiti apprezzeranno moltissimo se viceversa, sarà nel pomeriggio è di rigore il tè!!!

Altra chicca alla quale potete pensare sono dei copri tacchi per le scarpe delle signore, soprattutto se c’è da passare sul prato e delle calosce per gli uomini!!!

Insomma perché non fare di una condizione meteorologica non favorevole un elemento di decoro anche per qualche allestimento??!!

E per i più “spiritosi” si può osare anche la Torta Nuziale a tema…  magari se vi siete conosciuti in un giorno di pioggia o se il vostro fidanzato vi ha chiesto la mano sotto una pioggia battente?? Direi che anche se dovesse splendere il sole io ai miei sposini la consiglierei senz’altro!!!


Romanticissimo…

 

 

 

 

 

 

 

 

…e se non dovesse piovere?? Beh sicuramente meglio, ma se vi segue la Wedding Planner saprà organizzare il tutto anche una settimana prima delle nozze quando le previsioni del tempo saranno più attendibili, altrimenti pensateci già qualche mese prima ed i Cadeau metteteli lo stesso a disposizione dei vostri invitati, sarà un piacevole ricordo delle vostre nozze per i giorni di pioggia!!!

 

Buon lavoro e buon divertimento e date sfogo alla fantasia,    che ci sia il sole o la pioggia!!!

…alla prossima Goccia!!

Melania Millesi WP

 

 

 

 

READ MORE

Gocce di …esperienza! La Chiesa…

Gocce di …esperienza!!! …La Chiesa…
Sposi lo sapete che… quando andrete a scegliere la chiesa dove celebrerete le vostre Nozze dovete assolutamente fare attenzione al sole!!! …e sì… Perché??!!? Osservate bene se il sagrato della chiesa nell’ora (mattina o pomeriggio) in cui si celebrerà il matrimonio è col sole a picco!!! Molto gradevole a dicembre, ma sicuramente meno alle cinque del pomeriggio di luglio!!! Invitati e sposo patirebbero ancor prima di iniziare e avrete tanta bella gente elegante in un bagno di sudore… sicuramente poco piacevole!!! Per non parlare dei fiori!!! Poveriniiiiiiiiii….

Stessa identica cosa vale per le cerimonie all’aperto… in questo caso d’estate MAI prima delle 18.30!!!

Ci avevate mai pensato???!!!
Questa è solo una piccola parte del bagaglio di esperienza di una VERA Wedding Planner… Messa a disposizione degli sposi che ovviamente non hanno!!!

I dettagli come li intendo io non si fermano solo a ventaglie e segnaposto in coordinato, ma sono quell’insieme di situazioni che il più delle volte non si vedono (in questo caso lo spero proprio!!!), ma che rendono un matrimonio Il Matrimonio!!
…alla prossima Goccia!

Melania Millesi WP

READ MORE

La Bomboniera ed i Confetti!!!

La Bomboniera è l’ultimo pensiero che gli Sposi dedicano ai loro Ospiti ed il primo regalo che fanno come coppia!

Ma qual è la storia e l’origine del goloso e ricco binomio Confetti – Bomboniera?

In epoche antiche era d’uso regalare agli sposi della frutta secca, mandorle, noci e piccoli dolciumi tipici come simbolo e augurio di felicità, prosperità e abbondanza.

Con la scoperta delle Indie, e l’arrivo dello zucchero in Europa, si cominciarono a rivestire le mandorle con questo dolce involucro: i confetti allora rappresentavano un “bon bon” squisito, un lusso per chi poteva permetterselo!

 

Con la diffusione dei confetti tra le classi più ricche cominciò a consolidarsi anche la consuetudine di regalare questa deliziosa dolcezza in occasione delle nozze.

Nacquero, quindi, le prime scatole e contenitori realizzati in metalli preziosi e dai ricchi fregi che uomini e donne esibivano con orgoglio. I Fenici li costruivano in vetro, i Cinesi in porcellana, gli Assiri in peltro… poi a susseguirsi furono costruite in pietra, cuoio, legno intagliato, ottone, oro, argento e altri  materiali fino ad arrivare alla bomboniera moderna che nasce alla fine del 1700. Il termine Bomboniera, infatti, pare risalga al XVIII secolo e derivi dal francese “bonbonierre”, cioè porta bon bon. Le bomboniere furono molto apprezzate anche presso la corte di Re Sole. Goethe, nel 1792, regalò un cofanetto di deliziosi confetti a colei che sarebbe divenuta sua moglie.
Lo stesso Napoleone all’inizio dell’800 ne rimase affascinato a tal punto da farne dono come segno di riconoscenza.

Ma prima del ‘700 che significato aveva questa preziosa scatoletta?

La bomboniera prima del ‘700, ovvero prima di entrare a far parte ufficialmente della tradizione nuziale era considerata semplicemente una scatola portafortuna o di buon augurio.

In Italia già nel 1400 era diffusa la tradizione secondo la quale gli sposi e le loro famiglie in occasione del fidanzamento si scambiassero preziosi cofanetti colmi di confetti. Non solo, la tradizione voleva che il fidanzato dovesse inoltre regalare alla sua futura sposa una “coppa amatoria” ovvero una coppa in ceramica con raffigurato il volto femminile o l’effigie di una coniglia gravida accanto al nome della sposa, rigorosamente colma di confetti.  Inoltre, per assicurasi un matrimonio fecondo e prospero i futuri sposi avrebbero dovuto bere dalla stessa coppa.

Nel 1500, in Inghilterra, erano diffuse le “Sweetmeat box” ovvero scatole porta confetti realizzate in materiali pregiati col significato di buon augurio.

Fonti storiche ci rivelano che, in occasione del capodanno del 1574, la Regina Elisabetta I ricevette in dono un certo numero di bomboniere come buon augurio per il nuovo anno. E non solo … anche molte sue dame amavano degustare i confetti gelosamente custoditi in  prestigiosi cofanetti.

I primi capolavori settecenteschi di questa meravigliosa arte in miniatura sono, oggi,  custoditi nel Museo Internazionale della Ceramica a Faenza, nel Museo delle Porcellane a Doccia o ancora nel Museo Internazionale delle Ceramiche di Nove.

Sta di fatto che la bomboniera ha acquisito nel corso degli anni, grazie ovviamente alle abili mani di illustri maestri, una specifica connotazione artistica tale da diventare, soprattutto nella cultura italiana, parte integrante delle cerimonie

La Bomboniera in  Italia

Nel corso del ‘900 la Bomboniera,  quale piccolo e prezioso oggetto d’arte, ebbe grande popolarità.

Nei primi decenni del ‘900  è l’oggetto ceramico, frutto della fusione armonica dei quattro elementi primordiali – terra, acqua, aria e fuoco – a diventare protagonista sulla scena nazionale ed internazionale e diventare una vera e propria testimonianza d’arte.

Diverse fabbriche di ceramica italiana ne diedero splendidi esemplari, oggi, custoditi in importanti musei nazionali ed internazionali. Grande contributo fu dato dalle fornaci liguri di Albissola, una terra dove i grandi artisti, come Dario Ravano e Manlio Trucco (ideatore dello stile moderno detto anche Art Deco’), si dedicarono alla libera invenzione attraverso la lavorazione della ceramica, portando Albissola, negli anni trenta, a divenire il fulcro della ceramica Futurista.

Nello stesso periodo Giò Ponti a Milano, disegnava bomboniere per la Richard Ginori.

Negli anni trenta e quaranta, fu la volta delle Vetrerie di Murano, qui i grandi maestri della lavorazione artistica del vetro diedero i natali alle prime e preziose creazioni nuziali porta bonbon di Barovier e Toso e Venini  Seguso.

 

Negli stessi anni, nel quadro europeo e in Italia in particolar modo, si faceva strada la produzione di oggetti in argento, dalla scatolina al piattino, dal cestino alla zuccheriera in miniatura, al cucchiaio. In Italia, la diffusione dell’argento continuava a crescere grazie anche a preferenze di personaggi illustri. Per esempio, a fine secolo re Umberto I di Savoia scelse per le nozze del figlio Vittorio Emanuele con la principessa Elena di Montenegro una piccola scatola d’argento con monogramma in smalto a fuoco.

 

La diffusione della bomboniera ebbe il suo picco proprio a cavallo del dopoguerra, quando si diffuse la tradizione di regalare la bomboniera anche in occasioni di nascite, battesimi,comunioni e cresime.

Negli anni Settanta, invece, si pone l’attenzione sul tradizionale ‘stile Capodimonte’ di fabbriche di porcellana napoletane o lombarde, che ripropone in versione attuale gli stilemi settecenteschi, come la ceramica firmata Richard Ginori o dalle vetrarie toscane e muranesi.

 

 

Oggi la Bomboniera custodisce ancora quel valore integerrimo e quella dignità artistica che abili artigiani le conferirono con grande professionalità nel corso degli anni…

In sintesi se volessimo classificare le Bomboniere  potremmo suddividerle in: Classiche, come oggetti  in argento, ma anche porcellane di Limoges o Capodimonte, o piccoli oggetti di vetro o di cristallo o in antica ceramica. Utili, come ad esempio apribottiglie, tappi, segnalibri, posacenere, cornici ecc…

È comunque importante che la bomboniera rispecchi i gusti e la personalità degli sposi!

Come scegliere la Bomboniera giusta?

La cosa migliore da fare quando si cercano le bomboniere perfette è  cercare spunti da tutto e tutti! Scegliere la bomboniera di nozze significa prima di tutto averne viste talmente tante da sapere con certezza cosa vi piace e cosa non vi piace. Dovete essere certi che tutti possano capire ed apprezzare cosa state regalando. Inoltre un fattore importante da considerare nella scelta delle bomboniere è il mood del matrimonio. Se avete pensato ad un matrimonio in stile etnico, classico, a tema ecc…(dal menù ai vestiti degli sposi) anche le bomboniere dovranno rispettare lo stile, quindi sbizzarritevi nella ricerca ma attenzione a come le sceglierete!

 

Ma ecco 10 regole per scegliere le bomboniere giuste:

  1. Utilità: la bomboniera utile come un utensile ad esempio è il must del momento mentre sono in declino i soprammobili o “prendipolvere”;
  2. Naturalità: sicuramente in voga tutto ciò che è bio o eco-compatibile;
  3. Cultura: è sempre apprezzata da chi riceve;
  4. Discrezione: bisogna evitare di “invadere” la case degli invitati con il nostro personalissimo gusto;
  5. Estetica: un concetto del bello che possa essere godibile da tutti o dai più;
  6. Gratificazione: alla fine la bomboniera è un modo per ringraziare, deve quindi trasmettere questo concetto palesemente;
  7. Fruibilità: via libera quindi a tutto ciò che si consuma, a differenza di ciò che si pensava in passato. Regalare qualcosa può significare anche donare qualche piacevole e gustoso momento!
  8. Ludicità: in un periodo sociale come questo, regalare divertimento è sempre di buon auspicio!
  9. Originalità: evitare di copiare qualche parente o amico ma piuttosto raccontare un pò di sé;
  10. Unicità: sono assolutamente demodé i componenti di un qualcosa (come ad esempio il classico pezzo singolo di un servizio).

Ecco allora qualche idea pratica che funziona e che va molto di moda in questo momento:

  • Un buon libro che parli di un argomento caro agli sposi ma che risulti interessante anche ad un ampio pubblico di lettori;
  • Un’ottima bottiglia di vino con etichetta personalizzata rigorosamente con stile (banditi i disegnini infantili o le facce degli sposi…);
  • I giochi di una volta in legno, magari personalizzati (il tris, la dama cinese, i cubi da ricostruire, la torre…);
  • Un semplice vasetto ermetico da marmellata in stile retrò e riempito di confetti;
  • Una candela speciale potrebbe essere un’ottima soluzione che sarà sicuramente gradita da tutti!
  • Qualche prelibatezza gastronomica firmata o tipica;
  • Una bomboniera verde come ad esempio una piantina all’interno di un elegante vasetto, da far crescere nel tempo.
  • La bomboniera solidale. Questa può essere rappresentata da oggetti realizzati da comunità disagiate o con materiali riciclati o ancora da una donazione a favore di enti o soggetti bisognosi che sostituisce il presente per gli invitati ai quali viene invece regalato un sacchetto con confetti e un biglietto con indicate le motivazioni e i destinatari della beneficenza. 

Anche i colori seguono delle tendenza e per il 2016 le tinte tortora e bianco vanno per la maggiore, ma anche il celeste, il cipria e avana e comunque i colori pastello sono in voga sostituendo così viola, glicine e lilla protagonisti dell’ultimo anno. Tra i materiali l’argento, il cristallo e la porcellana (conservando il classico bianco e l’innovativo  tortora, che sono le colorazioni più richieste) sono l’eccellenza.

Il Galateo della Bomboniera

La bomboniera rappresenta un ricordo della lieta giornata ed un ringraziamento per gli ospiti e per coloro che hanno omaggiato gli sposi di un dono.  Per questo motivo il galateo non permette la consegna delle bomboniere prima del matrimonio: il gesto perderebbe il suo significato e sembrerebbe voler sollecitare un dono, anzi, secondo il galateo le bomboniere dovrebbero essere recapitate agli invitati una ventina di giorni dopo le nozze; oggi è consuetudine consegnarle agli invitati alla fine del ricevimento dopo il taglio della torta, mentre per i testimoni deve essere prevista una bomboniera differente da consegnarsi anche qualche giorno prima delle nozze. Di solito, la bomboniera viene data una a ciascun nucleo famigliare presente al ricevimento, ma nel caso di due fidanzati va data a entrambi, anche a chi non è stato presente ma ha comunque fatto un regalo o dei fiori, invece  a quanti hanno inviato un telegramma di auguri verrà dato il sacchettino con i confetti.

Le bomboniere vanno scelte e ordinate almeno tre mesi prima della cerimonia (tante quanti sono gli inviti, ma è sempre consigliabile ordinarne qualcuna in più per ogni evenienza!!)  perché la preparazione è lunga e delicata. Le bomboniere per gli invitati devono essere tutte uguali tra di loro, confezionate allo stesso modo e abbinate allo stesso sacchettino, che deve contenere i confetti e il cartoncino con stampati i nomi degli sposi, con la data delle nozze (prima il nome di lei, poi quello di lui, non vanno messi i cognomi).

Il galateo non vuole le bomboniere con la scritta “ringraziano”: il bon ton consiglia di spedire il classico biglietto di ringraziamento a parte. Al ritorno dal viaggio di nozze, si spedisce un biglietto di ringraziamento a tutti coloro i quali  hanno partecipato o hanno inviato regali. Questo è l’ultimo atto del matrimonio, perciò va fatto con particolare cura poichè viene considerato una sorta di firma che, se ben fatta, chiude in bellezza la parte pubblica del matrimonio.
I ringraziamenti, rigorosamente di formato postale, sono da considerarsi i biglietti da visita della famiglia, per questo motivo dovrebbero essere stampati solo con i nomi dei coniugi (Carlo e Lina Rossi) senza titoli (Dott. Ing.) con o senza indirizzo e numero di telefono, sicuramente con molto spazio per scrivere una frase. Questa breve frase, rigorosamente scritta a mano, conterrà un chiaro riferimento alla partecipazione dell’ospite alla cerimonia o un riferimento esplicito al regalo fatto alla coppia. Per tradizione questo duro compito è delle spose!!

 

…ed i Confetti!!

Il galateo vuole che i confetti distribuiti dentro i sacchetti siano sempre in numero dispari. Motivo per il quale generalmente in un sacchettino, soprattutto nuziale, si trovano sempre 5 confetti.  Questa usanza è data da un pensiero che vede nel numero dispari l’indivisibilità dell’unione. Ogni numero ha un loro significato:

5 confetti simboleggiano fertilità, lunga vita, salute, ricchezza e felicità;

3 confetti simboleggiano la coppia e il figlio;

1 confetto simboleggia l’unicità dell’evento.

Anche il colore ha un valore e va scelto in base al tipo di cerimonia. Per i battesimi la confezione è in genere monocolore, compresi i confetti (rosa o azzurri); per la Comunione si usa il bianco, per la cresima il bordeaux, mentre per il matrimonio, pur rimanendo il confetto di colore bianco, la confezione può essere dei colori più disparati. Per la Laurea si preferisce il rosso, per i 18 anni confetti dai mille colori.

Inoltre i confetti sono da sempre il simbolo delle nozze e accompagnano l’intero ricevimento. In molte regioni è ancora viva l’usanza di lanciarli fuori dalla chiesa insieme al riso, come augurio di felicità e prosperità.

Durante il ricevimento potete scegliere se distribuirli fra i tavoli nel corso del banchetto, aiutandovi con una ciotola e un cucchiaio d’argento o  posizionarli ai tavoli come eleganti e raffinati segnaposto o se offrirli alla fine insieme al taglio della torta ed oggi sempre più scenografiche  e se ben allestite, le “Confettate” sono un notevole elemento di decoro per creare una vera e propria degustazione di confetti, che serviti su vassoi d’argento o in ciotole di cristallo, ce ne sono per soddisfare tutti i palati!!  Dalla frutta secca ai liquorosi, dalla ricotta e pera al piùricercato e fine dei cioccolati,  ma tra le nuove sfide di gusto non vengono meno quelli napoletani alla pastiera, al babà e alla sfogliatella,  ed ancora, dalla cassata siciliana al confetto al peperoncino. Sono  molte anche le nuances di colore sulle quali si gioca: dal rosa antico al tortora, dal turchese al grigio passando attraverso le sfumate tonalità del verde fino al rosso. Insomma ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche!!!

Adesso dovreste saper tutto sulle Bomboniere ed avere le idee più chiare su come sceglierle… Buon Lavoro!!!

 

 

 

 

 

Alcune immagini sono prese dal web

Visitate il mio sito www.melaniamillesi.it

Melania Millesi WP

READ MORE

Intervista a “La Sposa TV”

https://www.youtube.com/watch?v=NWif9ooIFPg

Intervista a http://www.lasposatv.it/

Parlo delle mie idee e del mio modo di lavorare…

Bellissima esperienza!

Visita il mio sito http://www.melaniamillesi.it/

…e la mia pagina Facebook… https://www.facebook.com/weddingepartyplanner?ref=hl

Melania Millesi WP

READ MORE

Foto e Video… come fare la scelta giusta??

Un tempo era normale portare i rullini delle vacanze dal fotografo e guardare poi le foto con gli amici, oggi, invece, al massimo si connette il pc al tv e si guardano le immagini sul grande schermo. Ma volete mettere la bellezza di prendere tra le mani le foto, stando ben attenti a non rovinarle? In un mondo diviso tra smartphone, tablet, pc e macchine fotografiche digitali e in cui la fotografia, intesa come immagine stampata da pellicola su supporto cartaceo è ormai un reperto archeologico, il matrimonio è uno dei pochi eventi che ancora concede un momento di gloria alle vetuste, quanto affascinanti, “foto”.

L’album fotografico è il modo migliore per rivivere le emozioni e i momenti più belli del vostro matrimonio una volta che i festeggiamenti saranno finiti.

Ecco, tra i tanti pregi del matrimonio c’è anche l’aver salvato dall’estinzione le care e vecchie foto e i relativi album per conservarle.

É dunque arrivato il momento di scegliere il fotografo… Del resto dopo la chiesa ed il ristorante, di solito è buona norma prenotarlo con almeno sei/dodici mesi di preavviso, soprattutto se ci si sposa in un weekend di giugno o luglio…

La Fotografia nel matrimonio ha origini piuttosto antiche e la si fa convenzionalmente risalire al 1840, data del matrimonio dei regnanti Alberto e Vittoria d’Inghilterra, anche se a partire dal 1820, qualche esperimento c’era sicuramente già stato. Si trattava di fotografie statiche, per niente naturali e in genere molto austere.

I generi, le tecniche e le attrezzature, per nostra grande fortuna, da allora si sono enormemente evoluti, e così anche il mercato. Ma gli stili?

Fare fotografie, anche per il matrimonio, è un’arte e come tale va trattata, ma non tutti gli stili piacciono… Quando scegliete il fotografo tenete quindi presente che ogni fotografo tende a fare le cose secondo la sua sensibilità. Cercate di capire prima che tipo di foto e di stile normalmente quel fotografo segue prima di chiedergli di farle nel modo in cui piacerebbe a voi.
E’ rischioso infatti chiedere ad un fotografo abituato allo scatto in posa di fare fotografie spontanee e creative.

Pensate bene a che tipo di foto vorreste avere e poi scegliete il fotografo di conseguenza.

Che tipo di album volete realizzare? Provate a pensarci e ditelo al fotografo così che sappia cosa vi aspettate da lui.. ecco alcune idee:

1) L’ALBUM CLASSICO

definito in maniera generica “ritrattistico” o “in posa”. E’ chiaramente previsto che gli sposi rivolgano lo sguardo verso l’obiettivo, che sorridano o comunque assumano posture ed espressioni indotte e non sempre naturali. Anche gli invitati, o più spesso i gruppi di invitati, sono fotografati secondo le stesse modalità. In generale l’evoluzione di questa tecnica, se ben eseguita, permette di ottenere oggi risultati artistici di alto livello. L’album classico sarà un reportage completo del vostro matrimonio, con la rappresentazione di tutti i momenti principali, nessuno escluso, in questo tipo di album avrete la sicurezza che ci sia proprio tutto. Questo album avrà il vantaggio di avere quasi certamente foto impeccabili e non rischia di scontentare nessuno dei presenti.

Una piccola precisazione: l’espressione “non naturale” in questo contesto non è intesa secondo un’accezione negativa ma semplicemente come una caratteristica.
2) L’ALBUM SPONTANEO

Questo tipo di album tende ad essere meno impostato e formale del primo. Il fotografo sarà un pò più libero di fotografare le espressioni, filtrate talvolta dalla sua vena creativa che ne accentua alcuni tratti,   alcuni particolari curiosi e -perchè no- situazioni divertenti e imbarazzanti. L’album spontaneo non necessariamente comprenderà tutte le foto e tutte le persone presenti. Se non volete correre questo rischio ditelo al fotografo e puntate verso l’album classico. Se invece vi sentite più liberi allora l’album spontaneo potrebbe riverlarsi un’autentica sorpresa.

3) ALBUM CREATIVO

Alcuni fotografi offrono un servizio molto diverso, di taglio più creativo. Solitamente in questo tipo di album al fotografo viene lasciata grande libertà anche in termini di elaborazioni fotografiche. Effetti speciali, luci e cromatismi la faranno da padrone. Consigliamo l’album creativo solo a chi vuole davvero provare qualcosa di strano ma verificate bene il portfolio del fotografo che sceglierete per evitare esagerazioni o cadute di stile.

4) L’ALBUM FOTOGIORNALISTICO

Si tratta di un servizio realizzato da un professionista con esperienza nel mondo del fotogiornalismo. Il vostro matrimonio verrà guardato come un fatto di cronaca e pertanto le foto saranno molto particolari: scatti veloci, scene rubate qua e là, inquadrature non in posa e poco impostate. Spesso in questo tipo di album si fa largo uso del bianco e nero e del mosso. E’ un tipo di album che consiglio a chi vuole un album decisamente fuori dagli schemi.

 

Scelto il tipo di foto che vi piacciono di più, bisogna concentrarsi sugli album da sfogliare.

Quando si parla di album di nozze, di solito si fa riferimento a due modelli:

– Classico
– Fotolibro

CLASSICO

Come dice bene l’aggettivo, si tratta di un classico album dove le foto vengono attaccate sulle pagine.

 

 

FOTOLIBRO

Si tratta di un vero e proprio libro fotografico per raccontare il matrimonio. La foto, a differenza di quella inserita nell’album di matrimonio tradizionale, viene rilegata a tutta pagina e quindi senza bordo, come un vero e proprio libro. E’ possibile, inoltre, inserire più immagini ed elaborazioni su di un’unica pagina con anche delle grafiche personalizzate.

 

 

I due modelli, dunque, si differenziano per il modo di gestire le foto: nel primo caso si tratta di fotografie incollate su delle pagine, mentre nel secondo caso la foto è la pagina stessa .

Tutti gli altri aspetti tecnici ed estetici, invece, valgono per entrambi i modelli e, quindi, possiamo affrontarli insieme:

– Copertina
– Rilegatura
– Qualità delle stampe
– Il tipo di cartoncino dove incollare le fotografia
– La carta velina protettiva
– La valigetta per trasportare l’album stesso

Copertina

I materiali che vanno per la maggiore sono: seta, cotone, carta di riso o pelle. Oltre al gusto personale, la differenza più importante è la resistenza allo scorrere del tempo.

Rilegatura

L’album dovrà durare nel tempo e verrà sfogliato moltissimo, quindi è necessario che sia resistente e per questo motivo dovrebbe essere rilegato da un artigiano e non affidato ad una produzione in serie.

Qualità delle stampe

I colori dovranno essere brillanti, i bianco e nero ben contrastati, e la carta fotografica resistente e spessa. Per capire se una stampa è di buona qualità, controllate sempre che i contorni siano ben delineati e che il colore della pelle dei visi non tenda al rossastro.

Cartoncino e velina

Scegliete con cura il cartoncino e piuttosto prendetelo spesso, dato che dovrà reggere le foto. Meglio, quindi, una grammatura alta. Non dimenticate poi la carta velina trasparente per proteggere le foto.

Valigetta

L’ideale sarebbe una valigetta rigida, in modo da proteggere meglio il prezioso contenuto. Per quanto riguarda, invece, il materiale la discriminante è il gusto personale: pelle, plastica, alluminio ecc. ecc.

 

Volendo, oggi, grazie alla tecnologia potrete anche avere un Album in 3D. Si tratta, in pratica, di un fotolibro, ma con foto “rielaborate” per ottenere il classico effetto tridimensionale: vedrete la coppia magicamente in primo piano oppure vi sembrerà di poter toccare nuovamente il bouquet e i fiori.

E ultimo, ma ve lo segnalo solo come scelta integrativa e non esclusiva, c’è l’album digitale su tablet o su cornice digitale. Pratico, certo, ma poco romantico, quindi il consiglio è: scegliete anche l’opzione moderna, ma non privatevi della bellezza e della magia del caro e vecchio album cartaceo.

Chiarito il tipo di foto che desideriamo, come scegliere il fotografo giusto?? Come riconoscere un vero professionista da un semplice “amatore”? Vediamo insieme cosa fare per non sbagliare…

Fare una ricerca approfondita è importante se si desidera trovare un fotografo poco invasivo, che non arrivi al matrimonio vestito come Rambo, che cerchi di raccontare davvero la storia di quel giorno, senza messe in scena e forzature: in altre parole, un vero “reporter” di matrimoni.

 

1) Se ci tieni ad uno stile davvero naturale, guarda il sito web e gli album del fotografo: non sarà difficile riconoscere un sorriso vero, una risata, da una foto posata in cui lo sposo regge la giacca sulla spalla e la sposa sta a fissare un fiore come fosse ipnotizzata.

2) Se vuoi un professionista, scegli un professionista vero. Verifica che sul sito sia indicata una partita iva e guarda le foto: se ci sono solo due o tre coppie diverse significa che, probabilmente, il fotografo ha uno storico ridotto. Verifica anche che il fotografo abbia una sede, uno studio, un negozio, un punto fisico in cui riceverti. E ricordati sempre di chiedergli quante copie di backup fa: perdere le foto del matrimonio equivale a non avere i ricordi da mostrare ai tuoi figli tra vent’anni.

3) Il fotografo verrà personalmente oppure potrebbe mandare una persona diversa? Se ti vengono mostrate delle foto, chiedi chi le ha scattate. Chiedi che sul contratto venga indicato espressamente il nome e cognome della persona che verrà a fotografare il tuo matrimonio.

4) I file in alta definizione non sempre vengono forniti. Chiedi se nel prezzo indicato sono inclusi quelli che, una volta, erano i negativi, oppure se dovrai pagarli a parte. Nel caso in cui il fotografo non te li volesse fornire, chiedi che vengano messi per iscritto i costi delle eventuali stampe extra.

5) Quante ore si fermerà il fotografo? Se vuoi un vero reportage, il fotografo dovrebbe rimanere almeno fino al taglio della torta. Se ballerete, sarebbe bello che il fotografo raccontasse anche quel momento (altrimenti che reportage è?). Chiedi sempre se il fotografo ha un limite di ore oltre le quali dovrai pagare un extra, oppure un numero di scatti limitato.

6) Se capisci qualcosa di fotografia, oppure se hai un amico che ne capisce, chiedi che tipo di attrezzature vengono utilizzate: se la macchina fotografica è economica, è possibile che molte foto, soprattutto in chiesa, verranno scattate col flash, con il rischio di immagini “piatte” e bidimensionali. Solo con obiettivi molto luminosi e macchine di grande qualità si può lavorare in luce naturale (la migliore) anche in chiesa. Chiedi se il fotografo porta con sé un secondo corpo macchina, nel caso si dovesse danneggiare il primo per qualsiasi motivo.

7) Questo punto non dovrebbe stare alla posizione sette, ma alla uno… Il fotografo è una persona piacevole? Ti ci trovi bene? Riesci a “sentire” se fotografare i matrimoni è una cosa che lo appassiona davvero? Questa persona starà con voi per quasi dodici ore, in una giornata in cui la tensione sarà palpabile. Cerca di circondarti di persone con cui ti trovi a tuo agio e che siano in grado di smorzare la tensione e di farti stare bene.

Per il resto, chiedi in maniera specifica cosa é compreso e cosa invece potrebbe essere a parte (stampe, album, trasferte, album e albumini per i genitori). Facendo un po’ di attenzione e una buona selezione potrai assicurarti che il tuo matrimonio venga raccontato in maniera spontanea, senza far mancare qualche foto “romantica” (in 10-15 minuti e una semplice passeggiata si fanno) e con le foto “di rito”, ossia quelle con genitori e testimoni, ma lasciando il resto della giornata libero per poterne godere con le persone a cui davvero tieni.

… ed i VIDEO

C’erano una volta i “filmini” del matrimonio: due ore zeppe di immagini di parenti corpulenti e di amici brilli in abito della festa, di parole di circostanza, di omelie e di rumori di sottofondo. Insomma una noia mortale.

Fortunatamente i tempi cambiano e sia internet sia i social network ci hanno mostrato un nuovo modo per fruire di alcuni prodotti. Le parole d’ordine oggi sono: immediatezza, originalità, brevità e leggerezza.

Anche i video di nozze, quindi, sono cambiati: si è passati dal concetto antico di filmino, inteso come ripresa totale dell’evento senza identità narrativa, a video più sintetici e dinamici, che raccontano l’evento e le persone con uno stile fresco e moderno e che durano al massimo 20/25 minuti.

ci sono varie tipologie di Video:

– documentaristico: questa tipologia è molto “vera” e il percepito è molto forte e avvincente

– reportage: si tratta, come per la fotografia, di raccontare cronologicamente, più o meno creativamente, la storia.

– classico: questa versione segue la normale storyline del girato “canonico”: casa della sposa, cerimonia, shooting, aperitivo, ristorante, taglio della torta e festa.

– video intervista: si tratta di immagini delle nozze unite ad un pre-montato girato il giorno prima del matrimonio. E’ la classica “promo-amici-da-vedere-su-Facebook” con stralci di micro interviste ironiche alle amiche simpatiche della sposa o agli amici dello sposo e così via.

– time lapse: è una tecnica di ripresa che condensa in un lasso di tempo ristrettissimo una serie innumerevole di scatti. Non è propriamente un video, ma un insieme di frames scattati in sequenza cadenzata a macchina fissa.

– video Teaser: non e’ altro che un bellissimo ed emozionale trailer di 3/5 minuti che racchiude tutta l’emozione di un giorno speciale con la dinamicità e la filmica cinematografica, con sfumature e colori tipici del grande schermo. E’ un prodotto snello e veloce che nasce negli Stati Uniti per essere postato su YouTube o Facebook.

 

Qualsiasi stile di Foto e Video voi scegliate, ricordatevi che riguardandole tra 20 anni, dovranno sempre suscitare le stesse emozioni di quel giorno, non fatevi influenzare dalle mode e gli stili del momento… scegliete quello che davvero più piace a voi e non al fotografo di turno! … Le mode passano, le foto resteranno per sempre!!

 

Visita il mio sito web http://www.melaniamillesi.it/

…e la mia pagina Facebook …https://www.facebook.com/weddingepartyplanner?ref=hl

 Melania Millesi WP

READ MORE

Disposizione dei Tavoli, Banchetto Nuziale Placè o Buffet…

Invitare qualcuno a pranzo o cena vuol dire “incaricarsi della felicità di questa persona durante le ore che passa sotto il vostro tetto” (Anthelme Brillat-Savarin [1755 – 1826]). Il pensiero è moderno, anche se oggi, certamente, l’accoglienza della Francia del settecento lascerebbe perplesso chiunque. Probabilmente i sapori ci sarebbero estranei, ma più delle vivande avremmo difficoltà ad accettare il modo di stare insieme. Tanto per dirne una, era costume che il maggiordomo presiedesse al servizio di sala con la spada al fianco. Non è più necessario (magari non lo era già allora…) garantire con le armi i propri ospiti, ma è ancora buona regola farli felici.
La festa di Nozze dovrebbe essere un gradevole impegno nella quale offrire agli ospiti un paio d’ore di libertà dai doveri quotidiani e la possibilità di condividere con amici, conoscenti e famigliari la felicità di una “nuova vita”… per questo dobbiamo organizzare tutto con gusto, stile e originalità senza dimenticare le regole più elementari di galateo.
Cena in piedi o placé 
Quando ideate l’allestimento del ricevimento tenete conto di ospiti e stagione. Secondo l’orario in cui si svolge la cerimonia potete scegliere un tipo di ricevimento formale, quali il pranzo o la cena, oppure informale quale il buffet o il cocktail. La cena in piedi è consigliata per matrimoni con una forte presenza di giovani, ma non per celebrazioni più formali dove ci potrebbe essere un alto numero di persone anziane. Tenete a mente questi elementi anche quando scegliete il menu: il programma gastronomico deve essere attinente alla stagione, agli invitati e alla zona. Non dimenticate che se avete ospiti che arrivano dall’estero è bene proporre loro la tradizione culinaria italiana, tanto amata e apprezzata oltre confine.
Cena in piedi
Quando si organizza una cena in piedi, bisogna avere tavoli d’appoggio con tanti posti quanti sono gli invitati!
Inoltre ci sono tre figure da prevedere: personale di servizio, personale di sgombero e runner. I tavoli devono apparire sempre puliti da tovagliolini, piatti e bicchieri sporchi e gli invitati serviti in qualsiasi punto si trovino. Il runner va dalla cucina a una postazione di servizio dove si incontra con i camerieri, ai quali passa il testimone, ovvero piatti, bevande, vassoi. In questo modo si evita che il personale di servizio si affanni inutilmente.
Finger Food
L’aperitivo a vassoio, a base di finger food monodose, è molto moderno ed elegante. Se decidete di seguire questa via ricordatevi di calcolare il doppio di camerieri rispetto all’aperitivo a buffet, oltre a un alto numero di servizio sgombero e runner. Tutti gli ospiti devono essere serviti senza bisogno di andare in cerca del cameriere e i tavoli devono continuamente risultare puliti dai piccoli bicchieri monodose.
Show Cooking
Nel momento del buffet, in aggiunta alle varie isole potete associare lo show cooking, sicuramente di grande effetto. Nell’isola di crudi di pesce, per esempio, potete incaricare un cameriere di aprire le ostriche al momento, o nell’isola delle verdure avere uno chef che le frigge e le dispone in pratici “coni”. Tutto questo è davvero spettacolare e la qualità del cibo senza dubbio ne gioverà.

Cena Placè
Le tre portate principali
Per il placé non vogliate abbuffarvi. Le cene o i pranzi lunghi sono noiosi e impegnativi. Tre portate sono sufficienti se le dividete nel seguente modo: entrée (insalata, vellutata), primo piatto (pasta, risotto) e piatto centrale (carne, pesce). Potete eventualmente pensare di eliminare l’entrée se il vostro aperitivo è stato particolarmente lungo e abbondante e inserire due primi e un secondo di pesce o di carne. Non dimenticate di prevedere un’alternativa per vegetariani, vegani e celiaci.

La portata finale
Nel placé, dopo il secondo e prima dei dolci, solitamente disposti a buffet come l’aperitivo, potete far servire una gelatina di frutta, un sorbetto o un leggero dessert al cucchiaio per pulire la bocca dai sapori forti del pasto appena consumato. In questo modo i dolci potranno essere degustati con il palato rinfrescato!!
Il banchetto ideale per il placé.
La tempistica per il momento del placé è di primaria importanza. Anche se il banchetto è il cuore dell’evento, non bisogna obbligare gli ospiti a stare otto ore a tavola! L’ideale è un aperitivo prolongé della durata di un’ora e trenta minuti, seguito da un pranzo (o una cena) di due ore e un dopo pasto di un’ora al massimo (e dopo scatenatevi  nelle danze!!!). Se proprio volete prolungare i tempi, esagerate con il buffet: è sempre il momento più conviviale dove gli ospiti hanno la possibilità di chiacchierare con gli altri invitati e gli sposi.

Disposizione dei tavoli
La qualità, il numero e la sistemazione dei tavoli è essenziale, prima ancora della pur importante – ma logicamente successiva – operazione di assegnazione dei posti. Ecco allora alcune indicazioni al riguardo:
Nel caso del pranzo o cena formale, per effettuare la scelta della disposizione dei tavoli che risulti la più adeguata ad accogliere al meglio tutti i commensali si dovrà tenere conto innanzi tutto del numero d’ospiti presenti e la capienza della sala.

Generalmente per la Cena o Pranzo placè esistono 2 tipi di configurazione per la disposizione dei tavoli: “la tavola unica” e “le tavole separate”.
 La tavola unica: Questa disposizioni si presta bene per i ricevimenti da svolgersi all’aria aperta, nelle ville con ampi saloni, come pure nei locali di campagna come capannoni e fienili o comunque in tutti quei posti dove lo spazio non è un limite! Ha il vantaggio di permettere agli sposi d’essere più vicini ai loro invitati.
La tavola unica può essere presentata in diverse maniere:

1.- Tavolo Imperiale, dove gli Sposi siedono al centro

2.- Tavola Ovale Completo (Ambassador)

 

3.- Tavola Reale (con il centro vuoto), io non la consiglio, più avanti leggerete il perchè…

4.- Tavola a forma di T

5.- Tavola a forma di U o Ferro di Cavallo

6.- Tavola a forma di E o Rastrello

 

Le tavole separate: Se invece preferite restare sul classico e gli spazi della location non sono ampi, è meglio optare per la soluzione che prevede l’allestimento di tavoli da sei o da otto posti, fino ad un massimo di dieci commensali, tondi o rettangolari, disposti di fronte al Tavolo d’onore (anch’esso di forma tonda o rettangolare) che ospiterà gli sposi. Questa disposizione permette una gestione efficace dello spazio ma può dare l’impressione che gli sposi siano un po’ isolati. Le tavole possono presentarsi anch’esse in diverse maniere:
1.- Gli sposi da soli (quella più in voga)

2.- Tavoli a forma di Margherita. Una parentesi più approfondita è richiesta in questo caso per il tavolo dove siedono gli sposi, il cosidetto tavolo d’onore. Ecco le due soluzioni:Tavolo d’Onore completo (con genitori e testimoni) e Tavolo d’Onore alla francese  (con cavalieri e damigelle d’onore.)

In entrambi i casi il tavolo deve emergere sia per quanto riguarda l’allestimento che per la collocazione centrale, in modo tale da essere visibile per tutti gli ospiti al banchetto nuziale.      I genitori della sposa, se non prendono posto al tavolo d’onore insieme alla coppia dovranno presiedere un tavolo a testa fungendo da padroni di casa.
La madre della sposa presiederà ad un tavolo che chiameremo Secondo Tavolo d’Onore, tenendo alla propria sinistra il padre dello sposo e alla propria destra l’officiante, insieme ai testimoni (possibilmente alternati donna-uomo) e ai nonni della sposa.
Ad un Terzo Tavolo d’Onore si ripeterà la medesima disposizione con il padre della sposa a presiedere il gruppo, quindi la madre dello sposo, gli altri testimoni e i nonni dello sposo. A maggior ragione dicasi se i genitori degli sposi sono divorziati in maniera burrascosa, in questo caso dovranno necessariamente prendere posto in tavoli separati, in compagnia delle rispettive famiglie.
Per accomodare i coniugi o i compagni dei testimoni esistono svariate opportunità, più o meno formali. Si può decidere di collocarli accanto ai propri congiunti, per non dividere la coppia, sia che i testimoni siano al tavolo d’onore (che in questo caso sarà quindi più grande), sia che vengano sistemati nei singoli tavoli riservati alle famiglie. Sempre più spesso però si tende a dedicare ai testimoni un tavolo a parte che possa ospitare anche i relativi compagni.
3.- Tavola a spina di pesce

4.- Tavoli di diversi tipi: sono disposti nella stessa stanza tavoli rettangolari con quelli rotondi ma entrambi i tipi non si mischiano. Se, per esempio, il tavolo degli sposi è rotondo, a continuazione si posizionano i tavoli rotondi e dopo i tavoli rettangolari insieme o viceversa. Questo tipo di distribuzione è utilizzato in matrimonio con molti ospiti.

5.- Un’altra opzione

Bisogna considerare anche alcuni aspetti:
• I tavoli tondi possono essere apparecchiati anche in numero dispari, soprattutto se non si usano posti assegnati.
• Armatevi di carta e penna e tracciate uno schema della sala, dove si trovano le uscite dei camerieri, bagni, ecc.
• I tavoli degli invitati saranno disposti, preferibilmente, non troppo vicini tra loro (per consentire lo spazio necessario per potersi muovere liberamente, anche perchè gli sposi durante il pranzo, fra una portata e l’altra, si potranno occupare degli ospiti che li onorano con la loro presenza.
• Ogni invitato, secondo le regole del bon ton, dovrebbe stare seduto distante dall’altro di circa 70 centimetri. Attenzione alla larghezza dei tavoli: sono ideali i 100/120 centimetri, ma se si superano i 180 per parlarsi tra i due lati occorre il megafono!!
• Prevedere sempre tavoli buffet (o isole gastronomiche) separati per evitare code.
• Facilitare il servizio lasciando una circolazione sufficiente.
• Riempire i tavoli senza lasciare troppi spazi vuoti.
• Non si dovrebbero mai apparecchiare tavoli da una parte sola (ad eccezione del tavolo d’onore) né essendo costretti a usare un ferro di cavallo né proponendo un tavolo rettangolare con tavoli di fronte. E’ una sistemazione alla quale si ricorreva per mostrare il principe a tutti gli invitati , e non ha più ragione di esistere… poi per il fatto, ancora più importante, che non si ha una seconda scelta in caso di vicini sgradevoli o noiosi!
• Le coppie, seppur sedute allo stesso tavolo, dovrebbero essere divise per favorire la comunicazione tra i commensali;
• Unite i vostri commensali, allo stesso tavolo, pensando a passioni comuni (i neogenitori che possono parlare dei loro piccoli, gli sportivi che possono scambiarsi consigli, gli appassionati di viaggio che possono condividere esperienze);
• L’idea di riunire amici e parenti non accoppiati attira spesso gli sposi, che con la scusa di favorire nuove conoscenze riuscirebbero a risolvere difficili puzzle di invitati. Ma siamo davvero sicuri che i single in questione gradirebbero?
• Per risolvere l’astiosa questione dei bambini, vi consiglio di stilare una lista con l’età dei piccoli invitati: se la maggior parte non supera i quattro anni, la soluzione migliore è vicino a mamma e papà. Dai cinque-sei anni in poi, invece, i baby invitati sono pronti per godere del pranzo “su misura” in completa autonomia, magari seguiti da baby sitter o animatori;
• Quando avrete finito di fare i gruppi di invitati, dovete scegliere come distribuire i tavoli. Di solito, i tavoli più vicini sono dedicati ai parenti e agli amici più stretti, e i tavoli più lontani ai colleghi di lavoro e ai conoscenti.
• Cercare di far accomodare ai tavoli lo stesso numero di uomini e donne e se possibile, più o meno della stessa età
• Gli amici già sposati o fidanzati potete sistemarli allo stesso tavolo, anche se non si conoscono: finiscono sempre con parlare delle stesse cose, bambini, casa…etc. Per i single sono argomenti più noiosi
• Se c’è qualcuno a cui non sapete proprio quale posto assegnare, la cosa migliore è far riferimento al gruppo dei vostri amici più vicini o eventualmente ai vostri fratelli/sorelle: in questo modo l’outsider sarà sicuramente messo a suo agio. Sarebbe però opportuno che fosse presentato al gruppo di persone presenti al tavolo prima che si sieda.
• Non c’è nessun problema a far sedere i vostri più intimi amici in un tavolo vicino al vostro durante il banchetto di matrimonio affinché possano animarlo con qualche battuta o sketch divertente.
• Fate in modo che almeno la metà degli occupanti del tavolo si conoscano. Evitate sperimentazioni strane, l’idea di creare tavoli con persone che non si conoscono, per socializzare, non è sempre una buona idea, e se proprio lo dovete fare, è opportuno che siano stati presentati prima di sedersi a tavola.
• Non mettere le persone anziane vicino alla musica o in zone trafficate e rumorose.

In alternativa agli ormai stra-classici tavoli rotondi o ovali, arriva il Tavolo Imperiale e\o  più tavoli Imperiali! Importanti, scenografici e da lasciare senza fiato, troppo spesso considerati adatti solo a eventi con un piccolo numero di invitati….
…quasi in ogni circostanza il tavolo imperiale dà il meglio di se.
E sono convinta che ne vedremo sempre di più. Dall’altra parte dell’oceano, negli Stati Uniti, in Canada e in Messico, si vedono quasi di più che quelli rotondi. E sono considerati l’eleganza per eccellenza!!
L’ideale per realizzare un impeccabile tavolo imperiale è usare romantici candelabri o anche proposte più moderne con composizioni floreali e oggetti di design. Chiaramente il tutto dovrà essere intonato alla perfezione con la location del matrimonio, per creare uno stile unico ed armonioso.
La soluzione ideale è quella di predisporre ampie sale, come quelle di antichi castelli restaurati o di dimore storiche adibite per l’occasione, adornate di dipinti e lampadari in stile che faranno da suggestiva cornice alla bella tavolata, o ampi prati o ancora grandi capannoni…
Insomma, la parola d’ordine per chi sceglie questo tipo di soluzione, a cavallo tra l’originale, l’elegante e il tradizionale, è lo spazio, inteso come locali ampi che potranno così essere valorizzati da un allestimento artistico a grande impatto sugli invitati.
Sia che scegliate tavoli rotondi, ovali o rettangolari, imperiali a ferro di cavallo ecc… Per i centrotavola vi consiglio di affidarvi a dei professionisti Wedding Planners e Wedding Designers, che sapranno aiutarvi nell’identificare la scelta estetica più giusta per il vostro matrimonio.
Sono da evitare composizioni con fiori troppo profumati, che possano quindi disturbare uno dei sensi più importanti a tavola, l’olfatto e creare spiacevoli episodi di allergie.
Sconsigliati sono anche i centrotavola troppo imponenti, che ostruiscano la visuale degli invitati.
Per quanto riguarda colori, tipologie di fiori, candele, cristalleria e quant’altro, sarete liberissimi di scegliere o un tema che faccia da filo conduttore anche estetico del vostro evento o semplicemente una coerenza cromatica ed estetica che sappia esprimere al meglio la vostra personalità e il vostro gusto.

Una volta trovata la disposizione dei tavoli migliore per il vostro matrimonio, dovrete necessariamente pensare a come aiutare i vostri ospiti a prendere agevolmente posto al proprio tavolo. Per fare questo potrete utilizzare il Tableau Mariage o le Wedding Escort Cards (ne ho già parlato in un Blog precedente)  http://www.melaniamillesi.it/?p=1083

Può capitare che gli sposi decidano di optare per una soluzione più easy, in questo caso quindi gli ospiti possono scegliere di sedersi dove vogliono (consigliato per banchetti con al massimo 60 invitati).
Chiaro è che sarebbe opportuno, per ovvi motivi, anche in quest’ultima disposizione informale riservare alcuni tavoli per i bambini gli anziani e gli ospiti di “riguardo”.

Secondo il galateo sarà la madre della sposa, accompagnata dagli sposi, ad accogliere gli ospiti e sarà sempre lei, in qualità di “padrona di casa“, insieme o in alternativa alla Wedding Planner a compiere un giro di ricognizione tra i tavoli, prima dell’inizio del banchetto, in modo da sincerarsi che tutti abbiano trovato la loro corretta sistemazione.

Consiglio…. Accorgimenti contro il freddo
Se scegliete di allestire la cena all’aperto (sempre con un piano B di riserva!), non date per scontato che sia caldo. Anche d’estate potrebbero esserci dei posti particolarmente freschi o potrebbe alzarsi il vento, quindi è consigliabile adottare dei piccoli accorgimenti per gli ospiti, soprattutto per le donne (i maschietti hanno la giacca!). Procuratevi scialli, pashmine o stole. Non c’è niente di peggio che fare mangiare gli invitati al freddo e le signore gradiranno moltissimo questo piccolo cadeau!!

E’ chiaro che il galateo impone le sue regole, ma ciò non vuol dire che dovete attenervi rigorosamete a tutto ciò che dice, esistono le eccezioni ed anche in questo caso bisogna seguire più che il galateo il “buon senso ed il buon gusto”!

Ovvio è che farsi seguire dalla Wedding Planner nella pianificazione dei posti a sedere rende questo duro lavoro mooooooolto più semplice e soprattutto avrete la certezza che quel giorno tutti gli ospiti vengano “acconpagnati” e guidati ai propri posti in maniera più accurata e precisa evitando caos e malintesi… Se così non fosse pregate che quel giorno il Maitre sia di buon umore!!!

 

visita il mio sito web http://www.melaniamillesi.it/

…e la mia pagina Facebook … https://www.facebook.com/weddingepartyplanner?ref=hl

Melania Millesi WP

READ MORE

Cerimonia Religiosa, Civile o Simbolica???!!!

Le Nozze secondo il Rito Cristiano

Sposarsi in chiesa con l’abito bianco è il sogno di tutte le ragazze, o quasi. Ma prima di realizzarlo è indispensabile sbrigare alcune formalità burocratiche che spesso fanno allungare i tempi. La Chiesa cattolica sconsiglia i matrimoni nel periodo dell’Avvento e nella Quaresima; nel caso si volesse scegliere questi periodi la celebrazione dovrà avvenire in tono molto dimesso.

Il punto di partenza è la scelta della Chiesa: per tradizione il matrimonio dovrebbe essere celebrato nella parrocchia di residenza della sposa, tuttavia è ammesso anche scegliere la parrocchia di residenza dello sposo; talvolta gli sposi decidono invece di unirsi in matrimonio nella parrocchia nella quale risiederanno dopo le nozze.
Se si desidera infine, che il rito venga celebrato in un luogo particolare che non corrisponde a nessuno dei tre citati sopra, occorre chiederne il nulla osta ecclesiastico.

Nella scelta della Chiesa, si devono naturalmente considerare alcuni fattori: la capienza, eventuali limitazioni circa l’attività cine-fotografica nel corso della cerimonia, la sua ubicazione (centro storico, paese, campagna…).

La scelta può ricadere su una Cattedrale o su una Chiesa di grande importanza storica. I tal caso la vostra cerimonia sarà improntata verso uno stile formale, elegante, solenne. Ci sono due elementi da considerare bene prima di scegliere una Chiesa di grande portata storica: l’appetibilità da parte di altre coppie di sposi (quindi tempi di prenotazione verosimilmente lunghi) e l’impegno maggiore (anche economico) per decorare con fiori tutti i banchi e l’altare! In ogni caso è bene scegliere il luogo del ricevimento nelle immediate vicinanze della chiesa, per evitare che un giorno di festa si trasformi a tutti gli effetti in un penoso e stancante girovagare per gli sposi e gli ospiti. Ricordo che la cura nel programmare il proprio matrimonio non deve riguardare solo gli Sposi, ma anche tutti gli invitati.

L’ORA DELLA CERIMONIA

Il galateo offre la più completa libertà. La scelta dell’ora deve essere fatta in base al tipo di ricevimento che si vuole organizzare in seguito.

9/10: segue un breakfast o un brunch che deve terminare tassativamente entro l’ora di pranzo.

11/12: dopo la cerimonia gli invitati sono invitati a un pranzo o un rinfresco di una certa importanza.

14/16: orario molto elegante. Gli invitati sono poi intrattenuti per un rinfresco in piedi da terminare entro le 19. La serata può poi proseguire con una festa da ballo.

16/18: seguirà un rinfresco oppure la cena o la cena danzante.

18.30/21: frequente in estate. Segue per gli invitati un cocktail oppure una cena o un rinfresco da concludersi entro mezzanotte.

IL RITO

Ma in che cosa consiste la funzione religiosa? Nel corso della messa sono quattro i momenti fondamentali che vi renderanno marito e moglie: il rinnovo delle promesse battesimali, la liturgia del matrimonio, la consacrazione e lo scambio degli anelli e infine la benedizione agli  Sposi.   

Dal primo gennaio 2005, nell’ambito della celebrazione del matrimonio religioso di rito cattolico, sono state introdotte alcune novità che hanno, seppure in modo lieve e senza stravolgimenti, modificato il rituale. Innanzitutto, nei giorni precedenti quello delle nozze, gli sposi prendono accordi col Parroco scegliendo le letture e le formule di rito per i diversi momenti, tra quelle consigliate nell’apposita Guida alla Santa Messa per gli Sposi, che in genere viene donata ai fidanzati durante il Corso di preparazione al Matrimonio.

All’inizio della celebrazione del Matrimonio, si fa memoria del Sacramento del Battesimo: il Parroco benedice gli sposi e i presenti, aspergendoli con l’acqua santa e ricordando loro il momento in cui hanno ricevuto il Battesimo e sono divenuti cristiani.

Il cambiamento che ha colpito di più, riguarda tuttavia la nuova formula della manifestazione del consenso:

“Io, ………….., accolgo te, ……………., come mia/o sposa/o.
Con la grazia di Cristo, prometto di esserti fedele sempre,
nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia,
e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita.”

Non più “prendo te”, dunque, ma “accolgo te”, perché il verbo prendere è stato giudicato più adatto in riferimento a cose inanimate, ad oggetti, mentre ad una persona si addice molto di più il verbo accogliere. “Con la grazia di Cristo”, perché l’essere umano talvolta è fragile, e la promessa fatta il giorno del Matrimonio potrebbe avere bisogno dell’aiuto divino, per essere mantenuta giorno dopo giorno.

Una curiosità: dopo la celebrazione del Matrimonio, quando gli sposi sono già marito e moglie, a loro discrezione, e col parere favorevole del Parroco, c’è la possibilità di introdurre un ultimo rituale, quello dell’incoronazione degli sposi: due coroncine dorate o argentate, vengono poste sul capo dei novelli sposi, come simbolo di incoronazione nella gloria di Cristo; questo rito, che può apparire nuovo e senza precedenti nella chiesa cattolica, è invece praticato per tradizione in diverse parti d’Italia, ed è tipico del matrimonio greco-ortodosso, dove gli sposi incoronati compiono il giro della chiesa, festeggiati da parenti e amici.

Un bel ricordo di questo momento, il più importante della giornata, è sicuramente il libretto della cerimonia. Nel tempo il riaprirlo comporta il rispolverare le letture scelte e le parole che il sacerdote ha scelto per commentarle.

La musica con la sua forza e la sua capacità di emozionare e suggestionare ha lo scopo di rendere unica la cerimonia religiosa e la sua funzione principale è quella di accompagnare e sottolineare i momenti più importanti della celebrazione, dall’ingresso degli invitati all’uscita degli sposi. Per questo deve essere consona al periodo liturgico, alla natura del rito e alle sue singole parti. L’esecuzione dipende dal tipo di chiesa che avete scelto: se parliamo di una basilica antica, sarà probabilmente provvista di un organo. Allora perché non utilizzarlo? Ma potete optare anche per un coro o un’orchestra, a seconda dell’ampiezza della stessa. Se siete orientati, invece, verso una chiesa più piccola, ma sempre antica, l’idea potrebbe ricadere su un duo o un quartetto. Al contrario, se preferite una chiesa moderna l’imperativo è trovare dei musicisti qualificati che sappiano consigliarvi e regalarvi la giusta “dose di emozione”. I momenti cruciali della cerimonia sono: l’ingresso della sposa, l’offertorio, la consacrazione, la comunione, le firme e l’uscita degli sposi dalla chiesa. Ricordatevi in ogni caso di informare il sacerdote delle vostre intenzioni.

Il sacerdote

Un’altra evenienza che si sta manifestando sempre più spesso è il desiderio di far officiare il rito da un sacerdote di una parrocchia diversa da quella di residenza o perchè c’è un rapporto di amicizia o perchè si collabora con lui. In questo caso si può chiedergli di celebrare il rito nella parrocchia di uno degli sposi oppure trasferirsi nella sua o scegliere una terza parrocchia. Tutti i permessi devono essere ovviamente a posto. Se viene invitato al ricevimento, il posto d’onore è il suo. Oltre all’offerta per la chiesa, può essere carino omaggiarlo di una bomboniera soprattutto quando si è legati a lui da un buon rapporto; certamente tale bomboniera non sarà uguale a quella degli altri invitati ma non deve essere necessariamente neanche il classico soggetto religioso.

Il Rito Civile

Un matrimonio celebrato in chiesa può arrivare a durare anche un’ora e mezza, il rito civile, invece, nella sua linearità è molto breve e solitamente non si superano i 20 minuti.

In Italia la cerimonia civile è regolamentata da poche semplici norme, che spesso l’hanno privata di quell’atmosfera di solennità e di romanticismo che per tradizione appartengono alla cerimonia religiosa. Questo è stato in molti casi uno dei motivi che hanno spinto numerose coppie a rinunciare all’idea di un matrimonio laico a favore di una celebrazione cattolica, anche nei casi di scarsa o nulla convinzione religiosa. Del resto è comprensibile che nessuno desideri per il suo Gran Giorno una cerimonia sbrigativa e frettolosa, che si riduca alla semplice lettura degli articoli del codice civile.
Fortunatamente le cose sono cambiate, anche grazie alla diffusione sempre crescente del matrimonio civile a scapito di quello religioso.
Se state quindi progettando di sposarvi in comune, non rinunciate a dare un tocco di romanticismo e di solennità alla vostra funzione.Verificate come prima cosa la disponibilità del sindaco o dell’addetto comunale
(nei piccoli centri è più facile avere il loro consenso) e poi preparatevi a organizzare il matrimonio dei vostri sogni.

Ci si sposa in Comune in caso uno degli sposi sia divorziato civilmente e non abbia ottenuto l’annullamento da parte della chiesa; se le religioni degli sposi non consentono un unione reciproca; motivi ideologici vari, desiderio di maggiore sobrietà , ecc.. Non tutte le coppie al primo matrimonio civile sono necessariamente laiche: in alcuni casi si desidera semplicemente dissentire con l’idea di “famiglia” imposta dalla chiesa cattolica e non si considera il matrimonio un sacramento indissolubile che unisce corpi ed anime per l’eternità .

Quali che siano le motivazioni che portano alla sala comunale, va comunque detto che il matrimonio civile è un atto di grandissima importanza, non rappresenta nè una seconda scelta, nè un’attenuazione degli impegni e degli oneri. E’ infatti uno di quegli atti simili al giuramento in tribunale: coinvolge gli individui dal profondo e pone le proprie basi su etica (firma e testimoni), morale (vi è l’obbligo giuridico della fedeltà), rapporti sociali (è un atto pubblico), rapporti economici (mutuo soccorso fra i contraenti).
Il Matrimonio è l’unione di due persone finalizzata alla reciproca solidarietà, oltre che al mantenimento ed all’educazione dei figli.

Sul piano affettivo si tratta dunque del coronamento di una promessa di amore. Sul piano giuridico il matrimonio rappresenta un accordo a cui la legge riconosce un valore contrattuale, vincolante per i contraenti e per tutta la società.

Il Matrimonio si definisce Civile quando è celebrato davanti all’Ufficiale di Stato Civile, è assoggettato alle regole espressamente previste dal codice civile e dalle leggi speciali e non riveste alcun rilievo in ambito religioso.

La Cerimonia

La cerimonia di celebrazione del matrimonio civile comprende tre momenti specifici:
La lettura di tre articoli del Codice Civile (artt. 143, 144, 147);
L’esplicita e pubblica dichiarazione di volontà di coniugarsi;
La lettura dell’atto di matrimonio e la sua sottoscrizione da parte degli sposi, dei testimoni e dell’Ufficiale di Stato Civile.

FARSI SPOSARE DAL MIGLIORE AMICO

La legge permette anche di farsi sposare dal migliore amico o dalla migliore amica. Una vecchia dimenticata norma del 1939 prescriveva infatti che «…il titolare della funzione può delegare le proprie competenze a uno o più consiglieri o ad altra persona che abbia i requisiti per la nomina a consigliere comunale». Il DPR n. 396 del 3 novembre 2000 ha mantenuto questa possibilità e, all’articolo 1, comma 3, recita: «Le funzioni di ufficiale dello stato civile possono essere delegate ai dipendenti a tempo indeterminato del Comune, previo superamento di apposito corso, o al presidente della Circoscrizione ovvero a un consigliere comunale che esercita le funzioni nei quartieri o nelle frazioni, o al segretario comunale. Per il ricevimento del giuramento di cui all’articolo 10 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, e per la celebrazione del matrimonio, le funzioni di ufficiale dello stato civile possono essere delegate anche a uno o più consiglieri o assessori comunali o a cittadini italiani che hanno i requisiti per la elezione a consigliere comunale». Quindi qualunque cittadino eleggibile può celebrarlo!!    Può essere, questo, un modo molto più simpatico di festeggiare le proprie nozze: anziché far celebrare il rito da un anonimo consigliere o funzionario, può essere molto più divertente farlo celebrare dall’amico o dall’amica del cuore.  Il celebrante così scelto viene sempre affiancato da un ufficiale di Stato Civile che lo coadiuva nella celebrazione durante la quale può pronunciare agli sposi alcune parole che, data la conoscenza, risultano solitamente particolarmente sentite. Si possono anche leggere brani di prosa e poesie, previo accordo con chi celebra il rito. Di solito la lettura avviene dopo la dichiarazione di unione, prima della lettura dell’atto matrimoniale e delle firme. Certo può rappresentare un momento molto commuovente e l’occasione per gli sposi stessi di scambiarsi una promessa ancora più significativa (infatti la cerimonia civile non prevede molte “battute”, questi infatti si limitano di solito ad un paio di SI).

Galateo:
Ora passiamo invece a quelle piccole regole di galateo che renderanno il matrimonio civile un evento raffinato e di classe, con un occhio particolare alle tradizioni e al bon ton.

Gli abiti:
Assolutamente no a tutto ciò che ha sapore di “vorrei sposarmi in chiesa ma non posso”. Scegliere il matrimonio civile significa scegliere anche un look preciso. Lei non avrà una mise con candidi veli e bianco tulle, lui non sfoggerà tight, cilindro e bastone. Abito lungo o corto (ma da giorno!!! Niente strass, paillettes, ricami oro argento) per lei, meglio se corredato da una giacca stile tailleur che da un piacevole effetto rigore, stola, sciarpa o foulard sulle spalle, cappello si e guanti. Ottimo il tailleur importante, sempre con cappello, guanti e foulard, ottimo per l’estate (se si ha il fisico adatto) l’abito sottoveste lungo tre quarti, purché le spalle siano coperte per tutta la cerimonia,  scarpe particolari e con un bel tacco (se si riesce a portarle con disinvoltura!). Da evitare in ogni caso il nero. Per lui è perfetto il completo grigio scuro, con cravatta, camicia rigorosamente bianca e gilet preferibilmente semplice. Scarpe nere, ammessi i gemelli purché estremamente semplici.

Per quanto riguarda la musica, data la brevità del rito, è bene considerare che i pezzi non saranno più di due o tre. La musica rappresenta infatti il sottofondo dell’entrata degli sposi, la raccolta dati dei testimoni, il momento delle firme e l’uscita dalla sala. Anche in questo caso sarebbe da evitare tutta la musica sacra, per il resto spazio libero alla fantasia.

Le tradizioni:
Sì e ancora sì a tutto ciò che di tradizionale è correlato a questo giorno:
trovarsi con le amiche la mattina per prepararsi insieme, non vedere lo sposo il giorno precedente, indossare qualche cosa di vecchio, di nuovo, di prestato e di blu, farsi accompagnare dal padre nella sala, fare attendere (non più di qualche minuto, sennò si diventa maleducati) lo sposo con il bouquet ecc…

Se si convive già è comunque bello che i futuri sposi entrino insieme e gli invitati li seguano disponendosi ordinatamente alle loro spalle. In certe Case Comunali invece prima entrano tutti gli invitati, poi gli sposi per ultimi.

Si a lacrime, emozione, mani tremanti.. tutto ciò non rappresenta certo una caduta di stile. Anzi!!! Dona un tocco estremamente sincero e commuovente al tutto.

Si anche al riso.. che deve però essere tirato all’uscita del Comune, non all’uscita della sala deputata ai matrimoni!!!

Idem per i baci, devono seguire il rito del riso ed essere elargiti senza parsimonia!!!!

UN PO’ DI STORIA

Storicamente il matrimonio non è stato altro che l’unione legale tra le parti (non necessariamente due e non necessariamente con gli stessi diritti: la donna è quasi sempre stata considerata subalterna all’uomo). A partire dal Medioevo, però, la Chiesa ha iniziato a estendere la sua giurisdizione anche su questo atto: per essa infatti il matrimonio è in sé stesso un vincolo di diritto naturale e sacro. Mentre all’inizio ci si limitava a una semplice benedizione davanti alla chiesa, dal XIII secolo in poi si afferma definitivamente il matrimonio canonico come sacramento, di cui il Concilio di Trento (1563) stabilisce la forma definitiva. Negli ultimi secoli, però, la riforma protestante e le spinte per una maggior laicità dello Stato hanno portato i legislatori a interessarsi anche a questo campo: del 1804 è il Codice Napoleonico, che stabilisce per la validità del rito la presenza di un ufficiale dello stato civile. Nello Stato italiano unitario l’introduzione di un nuovo Codice Civile a partire dall’1/1/1866 disconobbe tutti gli effetti giuridici al matrimonio religioso, mantenendo come unica forma valida quello civile e consentendo per la prima volta ai non credenti di unirsi in matrimonio senza sottostare ai dettami degli ecclesiastici. Il Concordato del 1929, purtroppo, ridonò effetti civili anche al matrimonio religioso. Ancora oggi il matrimonio civile è disciplinato dal Codice Civile del 1942.

Attenzione: l’articolo 110 del codice civile autorizza la celebrazione fuori della casa comunale solo nel caso in cui uno degli sposi, per infermità o per altro impedimento giustificato, sia impossibilitato a recarsi nella sede stabilita dal Comune stesso per le nozze.

 

IL MATRIMONIO LAICO-UMANISTA O RITO SIMBOLICO

La prima coppia a fare un passo di questo tipo non poteva che provenire dall’estero (Susie e Scott, dal Regno Unito). In alcuni paesi (Australia, Canada, Irlanda, Norvegia, Nuova Zelanda, Scozia, alcuni stati USA) il matrimonio umanista ha valore legale: in Italia ovviamente no, ma ne diede notizia anche la stampa (L’Unità, 25 luglio 2002)quando il 21 luglio si officiò, presso il Castello di Burio, vicino Asti, il primo matrimonio laico-umanista in Italia.

In cosa consiste? Alla firma in Municipio segue una cerimonia privata che i due sposi personalizzano secondo i propri gusti, e che prevede la presenza di un “officiante” laico, che legge un testo preparato dalla coppia stessa. In poche parole, una cerimonia che non ha assolutamente nulla di liturgico, ma molto di umanissima (e umanistica) voglia di divertirsi.

Se avete optato per questo Rito potrete completare la personalizzazione con la scelta della location della funzione. Non avendo infatti più il vincolo di scegliere Chiese o un posto eletto a Casa Comunale, potrete decidere di celebrare la funzione nel luogo che più vi rappresenta o che avete sempre sognato, qualunque esso sia. Sono sempre di più le strutture che si stanno organizzando per offrire alle coppie location mozzafiato e indimenticabili per celebrare una funzione Laico-Umanista.

Ciascuna Cerimonia Laica è unica, creata espressamente per quella occasione e per quelle persone. Si basa su valori umani condivisi, senza religione o superstizione. Non esistono forme prescritte o regole da seguire, e (al di là dei requisiti legali) non c’è niente da osservare. La celebrazione dell’amore, dell’affetto e della decisione di condividere la propria vita con quella di un’altra persona è regolata da leggi diverse nei vari paesi, ma non conosce confini né geografici né di genere: dunque accanto al Rito Civile sempre più coppie affiancano il Matrimonio Laico Umanista, basato sui valori delle persone, sulla condivisione delle emozioni e dei sentimenti con letture da parte degli invitati che vengono attivamente coinvolti e momenti simbolici in cui il gesto si fa poesia.

Le Cerimonie di Unione – o Unioni Civili – possono riguardare sia coppie di diverso sesso sia coppie dello stesso sesso (ricordiamo però che in Italia queste ultime hanno valore affettivo ma non ancora legale).

Come organizzare una Cerimonia Laica Umanista? Solitamente la Celebrazione varia a seconda delle preferenze della coppia: nella Cerimonia c’è un primo momento di accoglienza e di benvenuto, segue una presentazione degli sposi, della loro storia, eventualmente la presentazione dei Testimoni e del perché della loro scelta. Poi c’è la fase centrale in cui gli sposi si scambiano la Promessa con eventuali momenti simbolici, le letture degli ospiti o dei Testimoni e infine un discorso augurale conclude solitamente la Cerimonia

Riti simbolici

Ci sono alcune cerimonie che si possono inserire sia nel rito in comune sia in quello laico umanista. Una di queste è la ‘cerimonia delle candele’ dove la coppia con una candela ciascuno accende una candela più grande, simbolo della nuova vita insieme.
O ancora la ‘legatura delle mani’, rituale di origine celtica dove ai due sposi vengono appunto unite le mani con un nastro per simboleggiare l’impegno per una serena vita insieme. Se anche questa non dovesse piacere, si può optare per la ‘cerimonia della sabbia’: gli sposi utilizzeranno due contenitori con sabbia di colori diversi e ne verseranno il contenuto in un contenitore più grande. Per gli amanti dell’ecologia, un’idea potrebbe essere quella di piantare un albero, nel caso di una cerimonia all’aperto o, infine, l’idea di creare una ‘capsula del tempo’ da sigillare durante la cerimonia e riaprire in un lontano anniversario!

 

Ma ricordate che, a prescindere dal tipo di Matrimonio scelto, la cosa più importante è la vostra voglia di stare insieme… Questo è l’ ingrediente giusto per la riuscita di qualsiasi cerimonia!

Visita il mio sito web http://www.melaniamillesi.it/

…e la mia pagina Facebook … https://www.facebook.com/weddingepartyplanner?ref=hl

Melania Millesi WP

READ MORE

Il Dress Code… per gli Sposi e gli Invitati!

Il Codice di Abbigliamento, a cui si fa spesso riferimento con l’equivalente termine inglese Dress Code è un insieme di regole scritte, o il più delle volte tacite, relative all’abbigliamento. Il dress code è quell’insieme di norme più o meno condivise in un ben determinato ambito – culturale, sociale, lavorativo o pubblico – che codificano i “messaggi” che una persona intende trasmettere attraverso gli abiti che indossa. Tutte le società umane hanno da sempre adottato un codice di abbigliamento, che serve a dare un’indicazione del rango sociale, della classe a cui un individuo appartiene, la sua professione (per esempio i camici bianchi per i medici, o la divisa per i militari), la religione (il burka per le donne musulmane, la tonaca per i preti cattolici, ecc.), il suo stato civile (per esempio la fede nuziale nelle società occidentali) o il suo orientamento sessuale. In alcuni casi possono anche indicare la nazionalità delle persone, o la loro affiliazione politica. Lungo la storia, un certo modo di vestirsi voleva significare l’appartenenza ad un gruppo, ostentare uno status sociale o affermare un propria carica dignitaria. E quando entriamo in alcuni luoghi particolari, determinate regole di comportamento ci sono imposte relativamente all’abbigliamento da utilizzare. In alcuni casi si parla addirittura di undress code: ad esempio quando in piscina è vietato l’ingresso con le scarpe o nella sauna è impossibile accedere con i propri vestiti. Insomma, siamo inconsapevolmente circondati da dress code di ogni tipo.

In alcune occasioni, come cerimonie, matrimoni o eventi di particolare importanza, il dress code è specificatamente indicato nell’invito. Può essere considerato come un piacere che viene fatto agli invitati per evitare che questi si sentano a disagio con gli altri perchè vestiti in maniera del tutto diversa.

Una volta che si è stabilito un dress code, questo deve essere assolutamente rispettato, infatti se l’invitato all’evento, alla festa, o alla qualsiasi forma d’incontro, non può prendere in considerazione gli elementi suggeriti, è bene che non aderisca alla festa, anche perchè se non va vestito in tema, viene sicuramente escluso, prima di entrare, da colui che ha imposto il dress code. E’ anche giusto che colui che ha organizzato l’incontro in genere dia l’appropriato codice di regole in un corretto tempo tale da non stressare gli invitati che dovranno cercare nel proprio armadio, oppure comprare l’abbigliamento come richiesto dal dress code.

Esiste una precisa nomenclatura internazionale per indicare il dress code, cioè il codice di abbigliamento che si richiede agli ospiti. La consuetudine nasce nei paesi anglosassoni, che con il loro approccio pragmatico hanno codificato diversi stili.

 

White tie: a pochi di noi capiterà un simile invito, a meno che non siamo candidati al Nobel o parenti di teste coronate! White tie indica infatti il frac per gli uomini e l’abito da sera per le donne, rigorosamente lungo chi abbia superato i 18 anni.

 

 

 

 

Black tie  indica lo smoking per gli uomini, accompagnato dal papillion in seta,

le scarpe oxford (meglio se lucidissime) e camicia bianca con gemelli. Per le donne è richiesto l’abito da

sera, non necessariamente lungo.

Evitiamo tuttavia abiti troppo corti o troppo provocanti, che sarebbero poco eleganti.

 

 

 

Creative black tie: anche in questo caso l’invito è formale e richiede lo smoking, ma potete osare e sbizzarrirvi nell’accessorio dalla fusciacca colorata al papillon originale, al gemello di tendenza. Anche per le signore è richiesto l’abito da sera, ma potrete sbizzarrirvi di più con abiti molto glamour e sexy.

 

 

 

 

Cocktail dress (abito scuro): l’occasione richiede un abbigliamento elegante, ma non necessariamente lo smoking; per gli uomini sarà sufficiente un abito scuro (grigio o blu scuro), camicia, cravatta scura e scarpe oxford.

Man and woman talking at party

Per le donne è invece richiesto l’abito da cocktail, cioè un abito al ginocchio o un classico tailleur. Meglio evitare i pantaloni, a meno che non siano di fattura e stoffa molto eleganti.

 

 

 

 

 

 

CVV: forse vi succederà di rado di trovare questa sigla ed è probabile che quando accadrà l’invito sia di padroni di casa un po’ eccentrici e poco inclini al conformismo. CVV sta infatti per “come volete voi”: totale libertà nella scelta dell’abbigliamento, dallo smoking ai jeans strappati ad arte, dalle scarpe oxford lucidissime alle sneakers borchiate. Insomma, quello che deve emergere è solo il vostro personalissimo stile!

 

Indicare il dress code è buona norma e non deve essere considerato maleducato nei confronti degli ospiti, ma al contrario li aiuterà a decidere serenamente l’abbigliamento più appropriato per evitare di essere over-dressed (troppo eleganti) o under-dressed (troppo informali). Cosa fare invece se il dress code non è indicato? In questo caso, privilegiamo un abbigliamento tendenzialmente elegante e aggiungiamo alcuni accessori glamour che diano un tocco chic o frivolo al nostro abbigliamento. Ad esempio possiamo scegliere un look total black a cui aggiungere una collana colorata oppure un foulard in seta o degli orecchini vistosi; se l’evento si dimostra poi più elegante di quanto pensassimo siamo sempre in tempo a farli sparire velocemente in borsa …

La cultura del Matrimonio che si sta diffondendo porta un numero sempre maggiore di coppie ad organizzare nozze ricche di dettagli e personalità la stessa cosa NON succede per quanto riguarda la “cultura dell’invitato di nozze”. Una delle prime domande che di solito ci si pone quando si è invitati ad un matrimonio è “cosa mi metto?” Vi assicuro non è una domanda che si pone solo la sposa, ma tutti gli invitati e purtroppo diciamocelo la risposta a questa domanda risulta spesso sbagliata.

Un matrimonio è un’occasione importante, il cui livello di formalità è indicato già a partire dall’invito che gli sposi consegneranno con due o tre mesi di anticipo. Nelle situazioni estremamente formali le indicazioni sul dress code sono gentilmente ma palesemente indicate all’interno dalla busta, indicazioni alle quali sarete chiamati ad attenervi. Magari avete già  ricevuto un invito per le nozze di William e Kate dal Lord Ciambellano (il più importante funzionario del palazzo reale) a nome di Elisabetta II e nel farlo precisa anche il dress code: uniforme, tight o abito da città. Ovviamente per le signore è di rigore il cappello!!! Ma se le nozze non sono reali, far precedere o seguire una partecipazione di nozze da un biglietto dress code, non la trovo una cosa chic, oppure peggio ancora dare come indicazione i colori ( ho letto dress code :pink, yellow…ecc. queste sono indicazioni che la sposa se vuole darà privatamente specificando se desidera che le invitate seguano delle sfumature cromatiche con l’abbigliamento o con degli accessori).

Ci sono altri dettagli che vi possono dare indicazioni su quali abiti acquistare. La partecipazione è già un’indicazione precisa. http://www.melaniamillesi.it/?p=1079  La carta più o meno pregiata, la calligrafia più o meno elegante, i colori più o meno vivaci, vi faranno capire cosa gli sposi si attendono da voi. E’ importante però capire che nemmeno il più informale degli inviti vi consentirà di arrivare alla location indossando jeans o infradito!!!!

E’ bene ricordare che le regole del dress code sono quelle accortezze per avere uno start da cui partire nella costruzione dell’immagine dell’invitata perfetta. Poiché il mondo della moda ha delle regole, e le cerimonie nuziali sono di quei palcoscenici dove l’abito recita un ruolo e racconta molto di noi e del nostro buon gusto!

Quindi:

Niente abiti lunghi per i matrimoni di giorno, niente smoking né frac per gli uomoni.

Il total black è offensivo tanto quanto il total white.

Se la cerimonia è di mattina un bel rosa cipria, verde menta, giallo canarino celeste carta da zucchero e salmone … Si al tight (se anche lo sposo lo indossa!). Se di pomeriggio, il blu notte fa così chic che di più non si può! …o comunque sono ammessi colori di tonalità  più scure che al mattino.. Per gli uomini abito grigio scuro o blu, NO al tight ( che ricordiamo si usa per matrimoni che avranno una conclusione entro le 18)

Il capello si può mettere, se il ricevimento è di giorno.

Soprattutto se si tratta di un matrimonio religioso no a spacchi o scollature eccessive; se necessario coprite le spalle con una stola o con un cappottino.

Per le donne è bene che la scelta cada su un abito, un po’ per comodità e un po’ perché renderà più femminili ragazze e signore di ogni forma e di ogni età. Se non volete un abito o una gonna, accompagnate i pantaloni a sigaretta con un top molto importante per forma e tessuto.

La borsa è uno degli accessori con cui è meglio staccare un po’ a livello cromatico.

Scarpe? Meglio un tacco, NO allo stiletto 15!!! Ma se proprio non potete farcela optate per un sandalo basso, che abbia però un cinturino alla caviglia (NOOOO alle ciabatte!). I capelli strutturati e decorati sono riservati alla sposa, voi limitatevi ad una piega o ad un raccolto discreto.

Se una volta erano d’obbligo i collant oggi le cose sono cambiate; sono concessi solo per i matrimoni invernali o alle signore over 50. Se siete giovani pensate piuttosto ad una bella gamba abbronzata (lampade e autoabbronzanti possono aiutarvi).

La cosa più importante da ricordare è che il vostro outfit andrà bilanciato: colore dell’abito sgargiante o modello importante si accompagneranno a degli accessori discreti e sobri; un abito dalla linea semplice e dal colore tenue potrà essere impreziosito da accessori più ricercati.

Rispettate il dress code, ma evitate l’effetto camaleonte. Niente abiti a fiori per una cerimonia in giardino, né kaftani orientaleggianti per una cerimonia etnica!

Infine: rispettate le scelte stilistiche della sposa. E’ lei la più importante, e se le volete bene, informatevi. Lei gradirà. E quando il matrimonio ha un tema, prendetene spunto… Basta non esagerare!

Chiariamo subito cosa non fare, in modo da eliminare qualsiasi dubbi:

 Ad un matrimonio andranno evitati: jeans,infradito,scarpe da ginnastica,abiti di pelle con borchie,tailleaur, abiti da sera, smoking, leggings, minigonne, paillettes, stivali, maxi borse, trasparenze e scolli eccessivi,quintali di oro e gioielli a braccia, collo, mani e orecchie.

E’ risaputo che il giorno delle nozze la scena è tutta della sposa, ma è importante che anche il futuro marito sia impeccabile accanto alla sua futura metà!

La scelta dell’abito in base al tono della cerimonia e al vestito di lei (quindi andrà guidato) e l’abbinamento con gli accessori sono gli elementi indispensabili per stabilire il dress code maschile. Che, al contrario di quello femminile, è meno soggetto alla moda ma assai più rispettoso delle regole.

Vediamo insieme quali sono, a partire dall’abito, per finire con le scarpe.

Il capo-principe in assoluto per questo evento è l’elegantissimo tight. Un capo importante e formale. Adatto alle cerimonie solenni, dona subito a chi lo indossa un’aura di esclusività. E’ chiamato anche morning dress, dal momento che non andrebbe indossato oltre le 18. Il tight, quindi completo di cilindro, è la giusta scelta solo in caso di cerimonie in chiesa e con banchetto in location prestigiose, all’altezza di un tono così alto.

L’alternativa al tight, di pari livello, è il mezzo tight, perfetto per cerimonie eleganti, ma meno sfarzose. La differenza con il tight riguarda la giacca, che non prevede le balze laterali, la cosiddetta “coda”. Il panciotto, detto anche gilet, in entrambi i modelli, sarà di tinta chiara, un petto o doppiopetto.

Un dilemma per gli abiti da sposo che non siano tight e mezzo tight é dato dalla scelta del colore tra il blue e il grigio. La tradizione vorrebbe l’utilizzo del grigio antracite, una piccola apertura ai colori chiari è concessa solo per le nozze in spiaggia. In ogni caso, i tessuti devono essere i più prestigiosi. Le nobili Tasmanie, i blazon e in genere tutti i super pettinati la fanno da padrone.

– Le scarpe nere devono essere allacciate e senza impunture (le cosiddette “scarpe da cerimonia” o “da smoking”).

La cravatta (quindi per chi ha optato per l’abito) non va mai tolta, neppure durante il banchetto di nozze. Se non siete abituati ad indossarla consiglio di procedere come per abituarsi alle scarpe nuove: un paio di settimane prima delle nozze indossatene una per un’ora al giorno, anche a tavola.
– Il fazzoletto da taschino va bene se la cerimonia si svolge nel pomeriggio.
– I gemelli sono gli unici gioielli concessi allo sposo. Le mani devono essere libere: solo la fede dovrà esserne la protagonista al momento giusto.
– L’orologio è ammesso ma solo modelli discreti e classici.

ASSOLUTAMENTE VIETATO

Indossare gli occhiali da sole.
Indossare il fazzoletto da taschino ed il fiore all’occhiello: mai insieme!                                                 Togliersi la giacca durante il banchetto.

 

Il dress code della Sposa

A differenza dello sposo, per la sposa non ci sono delle regole così rigide ma allo stesso tempo utili per la scelta dell’abito giusto…  Lungo, corto, con strascico, romantico, sobrio o sensuale… l’abito è specchio dello stile della sposa scelto in base alla sua personalità per risaltarne in assoluto la bellezza… ma anche se può sembrar strano anche l’abito della sposa deve essere scelto seguendo delle regole di stile! Deve essere in accordo con il luogo della cerimonia, l’ora, la stagione, l’età e il fisico della sposa.

Il dilemma è prima l’abito o la location??

Il mio consiglio è quello di valutare cosa per voi è veramente irrinunciabile, se l’abito che desiderate fin da bambina o la location da sogno che avete visto e che volete assolutamente per il grande giorno!

Bene, se abito e location hanno lo stesso “stile” siete fortunate!!!

Perché faccio questa premessa…  Per il giorno del vostro matrimonio la location scelta diventerà casa vostra e quindi come padrona di casa dovrete “indossare” l’abito giusto!!! Se organizzate una cena elegante a casa, non credo che accogliereste i vostri amici in jeans o viceversa, organizzate pizza e patatine e vi fate trovare tutta in ghingheri!

Se non volete rinunciare all’abito da principessa, non andrete a scegliere una location agreste, ma opterete per un castello o un palazzo antico… Viceversa, se sognate una location moderna, vista mare con allestimenti minimali non dovreste scegliere un abito molto sfarzoso!

E’ ovvio che quel giorno la Sposa è la protagonista  e che le è concesso (quasi) tutto, niente e nessuno le vieterà di indossare un abito moderno in una location antica (o viceversa)… E’ solo “questione di stile” e di buon gusto!!!

Volutamente ho tralasciato il dress code per i genitori degli sposi…. Ma per loro è doveroso un articolo a parte!!!

Visita il mio sito web http://www.melaniamillesi.it/

…e la mia pagina Facebook … https://www.facebook.com/weddingepartyplanner?ref=hl

Melania Millesi WP

READ MORE

I Gioielli degli Sposi… Quali indossare per il “Sì”??!

Abbondare è meglio che deficere, dicevano i latini. Ma quando si tratta di gioielli per le nozze, meglio affidarsi all’insegnamento di Coco Chanel:

  “La vera eleganza non si deve vedere”!

Per il giorno del matrimonio la studiata semplicità è quasi obbligatoria: per illuminare il volto, La Sposa deve splendere, con estrema naturalezza e semplicità, di una delicatissima “luce propria” evitando di adornarsi inutilmente … Infatti, il “bon ton” sconsiglia di indossare gioielli vistosi, ma di preferire un gioiello discreto, elegante, che illumini ed incornici il viso , in sintonia con l’abito scelto… Perfetti  un paio di orecchini con diamanti o un sottile girocollo di perle o di platino; ancora meglio se si tratta di un gioiello di famiglia, tramandato da generazioni… prezioso non solo per il valore, ma soprattutto affettivo …  Valutate sempre  le caratteristiche del vostro matrimonio e selezionate fra i pezzi che più vi piacciono esclusivamente quelli che rispecchiano l’atmosfera e il look che volete creare.

Lo stile del vostro matrimonio vi aiuterà sensibilmente a restringere il campo di scelta, se vi sposerete di giorno o nel tardo pomeriggio? Sarà un grande evento o una cerimonia riservata a pochi intimi?

E’ “proibito” alla sposa indossare altri gioielli o monili di ogni sorta; pertanto, è bandito il braccialetto del Battesimo così come l’orologio della Prima comunione. Ugualmente da evitare l’orologio della maturità o della Laurea o, comunque, qualsiasi altro gioiello cui la sposa sia legata perché, magari, a lei donato in occasione importanti e significative della sua recentissima vita da nubile.

La sposa non dovrà mai indossare anelli durante la cerimonia, con una sola ed unica eccezione, data dalla possibilità di fregiare il proprio anulare con un antico anello di famiglia di cui potrebbe farle dono la futura suocera, qualche giorno prima della data fissata per le nozze, proprio perché la sposa possa indossarlo durante la cerimonia. Si tratterebbe infatti, in questo caso, di rispettare un’antica tradizione del passato che aveva lo scopo di segnalare a tutti, in modo evidente ed inconfutabile, che la giovane sposa, in virtù di questo dono, entrava “di diritto”a far parte del patrimonio della famiglia acquisita al fine, però di garantire, la perpetuazione della discendenza.

Al giorno d’oggi, si è ormai persa questa tradizione e sono ormai quasi del tutto scomparsi i gioielli di famiglia,  ma il fidanzato dona alla sua amata un gioiello che, sebbene non rappresenti nella maggior parte dei casi il prezioso ed antico monile tramandato di generazione in generazione è comunque un gioiello importante, non solo dal punto di vista economico ma soprattutto simbolico ed è il tanto atteso (dalla fidanzata!) anello di fidanzamento, per il quale è importante sapere  la simbologia della pietra per esso scelta:

– Il Rubino: simbolo di devozione e rispetto;

Lo Smeraldo: simbolo di speranza;

Lo Zaffiro: che equivale ad imperituro amore;

– Il Brillante: emblema di un vincolo di amore eterno.

Per quanto possa essere unico e meraviglioso, il vostro anello di fidanzamento  andrà indossato SOLO dopo la cerimonia e all’anulare destro, prima mani e polsi vanno lasciati completamente liberi per dare maggiore risalto alla fede nuziale!

La sposa non deve eccedere, per la cerimonia religiosa o civile, nello sfoggio di troppi gioielli, il gioiello per eccellenza quel giorno è la fede e si rischierebbe di “oscurarla”!!

Ma per il ricevimento di nozze,  può esibire anche altri gioielli come per esempio un collier, un bracciale o dei pendenti  purchè  siano in sintonia con l’eleganza e lo stile del grande giorno.

Insomma, pochi ma buoni e con qualche attenzione per le (poche) norme di galateo rimaste:

Regola 1: assolutamente VIETATO l’orologio!!! La Sposa non lo indossa mai, quel giorno il tempo è tutto suo!!!!

Regola 2: non tutto insieme. La tradizionale parure composta da bracciale, collier e orecchini coordinati, per quanto preziosa o di famiglia, non è adatta per un matrimonio religioso: limitatevi a scegliere uno dei tre pezzi, o al massimo due se l’abito è DAVVERO molto semplice.

Regola 3: pendenti ma non troppo. Anche con un’acconciatura raccolta che lascia scoperte le orecchie, i pendenti troppo lunghi sono da evitare: molto meglio il classico punto luce o al massimo una monachella.

Regola 4: perle o non perle? La tradizione popolare le sconsiglia perché “portatrici di lacrime”. Ma se non siete superstiziose, nulla vi vieta di indossarle al collo o alle orecchie: il classico girocollo di perle è da sempre un must di sobria eleganza. Gioielli più importanti, come il collare a tre o più fili, la treccia o la collana graduata, sono invece riservati ai matrimoni di rango. Il filo di perle è ancora il gioiello classico della sposa, simbolo di eleganza e di stile, specie da quando Jacqueline Bouvier lo indossò nel giorno del suo matrimonio con John F. Kennedy, ed è tra i pochi gioielli permessi il giorno delle nozze, che si è sempre portato nonostante la credenza che le perle portino lacrime, forse con ragione, ma di gioia.

Ma le Perle meritano una parentesi a parte con qualche curiosità…  Un po’ di storia

Le gemme della sposa sono sempre stati i diamanti e le perle. Le perle, soprattutto, costituivano, specie a Venezia, l’ornamento più ambito dalle spose (Ecco da dove “lacrime di gioia”) che si ornavano il capo (con “drezze”, coroncine intrecciate di perle) e la scollatura (con lunghissimi “vezzi” a più giri), con un’ostentazione tanto sfrenata da preoccupare il Senato. Tanto che nel XV e nel XVI secolo, si decretarono addirittura leggi per contenere il lusso sfrenato che le riguardava e si stabilì fosse concesso un solo vezzo dal giorno del matrimonio fino allo scadere del primo anno di nozze. Nel Settecento una delle cerimonie del matrimonio riguardava “l’esibizione delle perle”: qualche giorno prima delle nozze la madre dello sposo, o la parente più stretta, presentava alla sposa il vezzo di perle che lei avrebbe dovuto portare per un anno intero. Chi non poteva permettersi di comperare questo “indispensabile” ornamento, lo affittava per un anno, anche se il nolo era carissimo (ecco da dove “lacrime di dolore”) in modo che per le nozze l’onore della famiglia fosse salvo!!!!

Pettinatura, abito e trucco aiutano a scegliere i gioielli …. E secondo il galateo:

Abito scollato. Potete indossare orecchini leggermente pendenti senza collana oppure scegliere una collana di lunghezza media con un pendente, abbinando orecchini molto semplici e minimali, come i punti luce con diamante.

Abito con uno scollo appena accennato. Scegliete un girocollo in oro bianco o rosa oppure il classico filo di perle, magari con una chiusura gioiello.

Abito accollato o décolleté ornato con motivi vistosi (pizzi, ricami, ecc. ). In questo caso lasciate il collo nudo e puntate su orecchini preziosi come boule in oro e diamanti o punti luce.

Abito decorato con pietre o perle. Bando a qualsiasi altro luccichio. Non indossate alcun gioiello e lasciate il posto d’onore all’abito.

Abito colorato, pregiato, magari firmato, ma non ottocentesco, potrete osare di più con la gioielleria. Fermo restando il consiglio di non eccedere, potrete portare una collana un po’ più appariscente, magari in tono con la tipologia del vestito. Se la vostra acconciatura è semplice e magari avete i capelli lunghi lasciati sulle spalle, degli orecchini leggermente più vistosi non daranno nell’occhio.

– Capelli lunghi. Se volete indossare gli orecchini con la chioma sciolta, sappiate che verranno nascosti dai capelli. Puntate comunque sulla luminosità piuttosto che sulla lunghezza dell’orecchino.

Nessun bijoux. Gioielli piccoli, discreti e severamente in oro e pietre preziose originali!!!

Per i capelli, L’uso del diadema è consentito solo se si tratta di un antico gioiello di famiglia.  Sia che decidiate di indossiate o no un velo, gli strass o le perline applicati alle forcine per i capelli sono un modo alternativo per personalizzare il vostro look. I fermagli o gli spilloni invece sono perfetti per le spose moderne.

 

I Gioielli per Lo Sposo… Pochi ma buoni!!!!

Sì all’orologio da polso, nei modelli più classici, dev’essere molto elegante, in metallo, preferibilmente non in oro. Molto raffinati anche i cinturini in pelle che esaltano il pregio del quadrante, qualora sia di particolare valore.

Simpatica anche la soluzione dell’orologio da taschino soprattutto se si tratta di un gioiello di famiglia. Se ben portato, infatti, dona un tocco di eleganza retrò, ma l’abbigliamento deve esserne all’altezza, molto raffinato nel caso del tight o un abito spiritoso, ma sempre elegante. Assolutamente si ai gemelli da polso basta che siano discreti… nonché ad un sobrio fermacravatta (meglio se in oro bianco o con classica perla), ma lo consiglio se l’abito è il tight, altrimenti meglio puntare su di una bella ed elegante cravatta, magari che si intoni con i colori del matrimonio!

Sono inoltre banditi tutti gli altri tipi di gioielli compresi gli orecchini, i braccialetti, le collane e tutti i tipi di anelli ritenuti veramente “out”, a meno che, nei matrimoni che contano, non si tratti di un anello con lo stemma che identifichi un’appartenenza a un nobile casato: in quel caso … “noblesse obblige”.

Curiosità…. Si è ormai consolidata una piacevole usanza che vuole che i futuri sposi si scambino, prima delle nozze, un dono che simboleggi il proprio pegno d’amore. Perciò un’idea carina potrebbe proprio essere quella di fare dono al proprio promesso, di almeno uno dei gioielli “ammessi”…

Ma il gioiello per eccellenza per Sposo e Sposa il giorno delle Nozze è senza dubbio la Fede…

Ma ho già parlato su come scegliere quelle più adatte a Voi, (http://www.melaniamillesi.it/?p=836)  qui vorrei raccontarvi un po’ di storia….

Già i matrimoni dei Romani (…e si crede anche degli egizi ancor prima) culminavano con lo scambio dell’anello, che per la sua struttura circolare rappresentava la perfezione e l’eternità dell’amore, senza inizio e senza fine, proprio come un cerchio. Antica è anche l’usanza di indossare la fede all’anulare sinistro, poiché si credeva ospitasse la vena amoris, congiunta direttamente al cuore. La forza di questi simboli li ha fatti giungere immutati fino ai nostri giorni, rendendo breve la vita di altre usanze, come quella medievale di donare alla sposa una cintura, emblema di castità, o quella del ‘600 di indossare la fede matrimoniale al pollice. Il galateo odierno prescrive che sia lo sposo o la sua famiglia a donare le fedi nuziali.

Nei paesi del nord Europa, invece, la vera si porta sulla mano destra. Nel medioevo le giovani spose avevano l’abitudine di annodare alla fede nuziale un filo dei propri capelli e uno del futuro sposo allo scopo di garantirsi amore eterno e fedeltà.

“Tutti pongono l’essenza del contratto di matrimonio in un piccolo pezzo d’oro che chiamano thali, che lo sposo attacca al collo della sposa e quest’usanza corrisponde a quella dell’anello in Europa”. Questo scriveva nella seconda metà del ‘600 l’eclettico avventuriero veneziano Nicolò Manucci nella sua “Storia do Mogol”, evidenziando quanto l’usanza indiana di donare un gioiello d’oro a suggello del matrimonio era una tradizione già ben radicata. In Tamil Nadu, nell’India meridionale, gli elaborati thali erano, e sono, infatti, i monili matrimoniali per eccellenza che indicano lo status coniugale.

Al Settecento, invece, risale la consuetudine di incidere all’interno della vera il nome degli sposi e la data del matrimonio.

Ma fin dai tempi dell’antica Grecia l’anello costituisce anche il dono che corona il fidanzamento, mentre è nel Rinascimento che il diamante, simbolo di incorruttibilità, si impone come la gemma del pegno d’amore e l’anello di fidanzamento diventa più prezioso della fede. Anche oggi il galateo suggerisce il diamante nonostante molte celebri eccezioni, come l’anello con rubino regalato dal re Vittorio Emanuele III alla futura regina Elena o l’anello con zaffiro donato da Carlo a Lady Diana.

Solo una regola è rimasta rigidamente immutata, ed è quella che impone di indossare anelli all’anulare sinistro solo quando indicano un legame sentimentale; se si è sposati il primo anello deve essere la fede e, a seguire, l’anello di fidanzamento; quest’ultimo può essere spostato sulla mano destra solo se la sinistra è occupata dalla fede.

Vorrei infine dire che Il valore di un gioiello non dipende solo dalle pietre e dal metallo con cui è composto: dipende dalla maestria artistica di cui è espressione e, soprattutto, dal significato che gli si attribuisce. Più di ogni altra cosa, il gioiello viene usato come simbolo di sentimenti, di promesse, di momenti magici della vita di cui si vuole fissare il ricordo. La scelta, quindi, non può essere casuale o superficiale, ma va fatta con amore, creatività e competenza: tre fattori essenziali del “galateo” della vita.

Visita il mio sito web http://www.melaniamillesi.it/

…e la mia pagina Facebook… https://www.facebook.com/weddingepartyplanner?ref=hl

Melania Millesi WP

READ MORE